Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

Teatro

Al Teatro Argentina Mario Martone presenta “Il Sindaco del Rione Sanità” in scena fino al 29 aprile
“L’umanità si divide in due categorie gente in buona fede e gente carogna”.  Ci sono voluti quattro anni di fatiche, l’aiuto di testimonial illustri come Toni Servillo, Emma Dante e Eugenio Barba, per permettere al giovane collettivo artistico NEST di trasformare una vecchia palestra, abbandonata e situata in quartiere periferico della città, in un vero e proprio teatro dotato di un centinaio di posti. Quando Francesco Di Leva, Adriano Pantaleo e Carmine Guarino si sono trovati a lavorare insieme sul set de “La stoffa dei sogni” di Fantastichini, hanno messo a punto un’idea folle: armarsi di utensili e riadattare un…
La Lady Macbeth di Dmitrij Šostakovič ospite al Teatro San Carlo di Napoli
È domenica sera e il sipario del Teatro San Carlo si apre per l’ultima recita di una delle opere più controverse e travagliate del novecento: “Una lady Macbeth del distretto di Mstensk” di Dmitrij Šostakovič. L’allestimento è quello della National Opera Ballet di Amsterdam, perfettamente in linea con le intenzioni del compositore ma, se possibile, ancora più amaro.Per Šostakovič "Lady Macbeth" è al tempo stesso un’opera tragica e satirica. Tragica perché Katerina, la protagonista, “è un essere intelligente e appassionato che soffoca nel grigiore della vita e dell'ambiente in cui è costretta” tanto da diventare l’assassina del suocero, del marito…
Fausto Russo Alesi è Ivan: al Teatro India di Roma Letizia Russo rilegge I Fratelli Karamazov
A teatro, quando si tratta di riscritture, orma già da un po’ il nome di riferimento è quello di Letizia Russo. Confrontatasi più volte con i classici (“Filottete”, “Uno Zio Vanja”), è sempre riuscita a darne una visione allo stesso tempo alterativa e fedele. La sua penna rispetta la drammaturgia d’origine, la arricchisce senza mai snaturarla, anzi spesso ne esalta gli aspetti sempreverdi, con spettacoli di conseguenza moderni e angolari.Stavolta, nella lente di ingrandimento dell’autrice, “I fratelli Karamazov”: “Ivan”, andato in scena al Teatro India di Roma fino al 22 aprile, è liberamente tratto dal libro di culto di Dostoevskij.…
"Klamata kardìa – Il pianto del cuore": la tradizione salentina rivive sul palco del Teatro Palladium di Roma
Esiste una condizione nella vita di ognuno a cui inevitabilmente non ci si può sottrarre, qualcosa a cui nessuno può porre rimedio. “Klamata Kardìa – Il pianto del cuore” - messo in scena venerdì 20 aprile al Teatro Palladium di Roma - affronta il tema della morte, uno status che porta con sé l’ancestrale sensazione del dolore. Nello spettacolo, liberamente tratto dalla tragedia “Fedra” di Seneca, Maria Elena Curzi e Alessandra De Luca collegano la perdita di qualcuno, in questo caso di Ippolito, al pianto tormentato delle prefiche salentine che piangevano la morte del defunto e cantavano le gesta che…
Al Teatro Biblioteca Quarticciolo incrociamo la morte, senza esagerare!
Quattro attori, dieci maschere, zero parole. Nel teatro delle nostre giornate tutto è recitato, tutto è recitabile; gli imprevisti, il caso, la fortuna, la morte ridono con noi, ridono di noi, e le maschere, dopotutto, sono i nostri veri volti autentici da cui non possiamo prescindere.  Nell'oscurità del teatro Biblioteca Quarticciolo (Roma), il 21 aprile, fa capolino un piccolo spaccato di aldilà ornato da un lampione a neon, un piccolo cactus ed una panchina, perché si sa, le panchine sono state inventate sicuramente da chi aspettava qualcosa, ed è proprio lì che, seduta elegantemente in attesa, si rende visibile la Morte.…
Una dark comedy illumina i mala tempora: il Teatro Niccolini di Firenze riparte dalla “Mandragola” di Baliani e dei Nuovi
A Firenze il teatro riparte dai classici. Per riattivare il Teatro Niccolini, gioiello architettonico incastonato tra i palazzi di via Ricasoli a due passi da Santa Maria del Fiore, i giovanissimi attori della compagnia de “i Nuovi” diretti da Marco Baliani dall'11 al 22 aprile portano in scena la favola teatrale di un illustre fiorentino: “La Mandragola” di Niccolò Machiavelli. Nicia, dottore in legge, è sposato con la bella Lucrezia, ma la coppia non riesce ad avere figli. Callimaco è innamorato di Lucrezia. Si presenta dunque a Nicia nella veste di medico e propone una soluzione alla sterilità della coppia: una pozione a base…
I "Giudizi Universali" trentini: Cavosi e l'incessante pioggia che distrugge il nostro mondo
ROVERETO – “C’è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo”. (Fabrizio De André)“Amo la pioggia, lava via le memorie dai marciapiedi della vita”. (Woody Allen) L'idea è interessante, il format ampiamente replicabile, il risultato, non scontato, convincente e pieno: due giovani realtà trentine testarde ed energiche, TeatroSpettacoli e Evoè!Teatro (unite sotto la puntuale organizzazione di Daniele Filosi), hanno dato in mano a due registi interni, Maura Pettorruso e Clara Setti, e a due registi esterni, Stefano Cordella (Oyes) e Giacomo Ferraù (Eco di Fondo), di entrare nelle pieghe dei mondi creati dalla parole, dalle immagini, dalle suggestioni che…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#musica #Motta live a #Firenze con il nuovo album #vivereomorire Benedetta Colasanti https://t.co/7BiirNWkXN