Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Teatro

Il cast dello spettacolo "Il principio di Archimede"
Quanto tempo basta per mettere alla gogna un uomo senza prove schiaccianti la sua colpevolezza? In scena allo Spazio Diamante di Roma dal 07 al 10 e dal 14 al 17marzo, lo spettacolo Il principio di Archimede prodotto da Pupi e Fresedde – Teatro di Rifredi centro di produzione teatrale di Firenze. Un testo crudo, serrato, senza spazio per la riflessione. Il catalano Josep Maria Mirò firma questo testo nel 2012 e da allora è stato rappresentato in oltre venti paesi e tradotto nelle rispettive lingue, solcando anche l’oceano e arrivando negli Stati Uniti, in Messico e via dicendo. Il…
Al Nuovo Cinema Palazzo la poesia di Majakovskij tra rivoluzione di ieri e di oggi
Nella singolare cornice del Nuovo Cinema Palazzo, spazio adibito a sala prove, teatro, sala da concerti e luogo ricreativo per la popolazione di San Lorenzo, riqualificato e sottratto al destino infelice di diventare un casinò dalla volontà degli stessi cittadini e associazioni, si è tenuto venerdì 15 marzo un reading dedicato Vladimir Majakovskij, poeta simbolo della Rivoluzione russa. Scritto e interpretato da Daniel Terranegra, con la regia di Reza Keradman, Un chiodo nel mio stivale è un omaggio a uno dei più grandi poeti e intellettuali del Novecento, e una riflessione sulla rivoluzione di ieri e la necessità, più che…
Al Teatro Out Off di Milano: "Voci dal nulla"
“Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza”: queste sono le parole che dall'11 al 13 di marzo hanno aperto il sipario del Teatro Out Off di Milano che portava in scena Voci dal nulla diretto e scritto da Stefania Martinelli e prodotto da Centro Teatro Attivo.Voci dal nulla non è un racconto lineare e unitario bensì una fusione di vicende umane. Il punto di partenza è la storica testimonianza dei campi di concentramento nazisti di Primo Levi che viene intrecciata con molte altre tragiche vicende che si vivono quotidianamente: prigionieri,…
"Il rigore che non c'era": il penalty sbagliato da Federico Buffa
SCANDICCI – Non tutte le ciambelle riescono con il buco. Non è esente da questo proverbio Federico Buffa, volto di Sky con le sue narrazioni piene di enfasi, pathos ed empatia, che, da qualche tempo sbarcato a teatro, non è riuscito a bissare i successi delle “Olimpiadi del '36” né di “A night in Kinshasa”. La differenza salta agli occhi, cantava De Gregori. Se nei primi due spettacoli di story telling e affabulazione c'era un tema solido e portante lungo tutto l'arco della drammaturgia, i Giochi nazisti e Jesse Owens il primo, l'incontro del secolo tra Alì e Foreman il…
Al Teatro Argot di Roma "Itaca per sempre": il doloroso ritorno di Ulisse
"Itaca per sempre" è il titolo dell’ultimo spettacolo di Andrea Baracco, tratto dall’omonimo libro di Luigi Malerba (pubblicato nel 1997 per Mondadori), in scena in quel piccolo gioiello che è il Teatro Argot di Roma dal 12 al 17 marzo. "Itaca per sempre" è la storia moderna del ritorno di Ulisse (Woody Neri) dalla sua Penelope (Maura Pettorruso). Sono passati vent’anni dalla partenza per Troia: la distanza non ha consumato solo i corpi, ma anche i sentimenti, le passioni che sembrava non si sarebbero esaurite mai. Ulisse ha vagato per mare per dieci lunghi anni, che non si possono cancellare.…
“Shakespeare/Sonetti”: Malosti e le tre declinazioni del Bardo
ROMA – Come scivolare in un tunnel scuro, come avventurarsi dentro le pieghe del sentimento più colorito che qui invece prende mutazioni fosche, buie, come incedere dentro un baratro, a capofitto dentro l'abisso interiore della coscienza che cozza con l'emozione, della consapevolezza che fa a pugni con la passione. E' un equilibrio da trapezista questo “Shakespeare/Sonetti” (prod. TPE, Centro Teatrale Bresciano, Teatro di Dioniso) traballante tra eroe e antieroe in queste tre figure espanse ed esplose, svisceramento, sezionamento e autopsia del Bardo, dell'uomo, della sua brillante e spumeggiante creatività artistica. Tre momenti nei quali il trasformismo di Valter Malosti, regista…
Le violenze, le torture psicologiche, il gioco al massacro del Circeo
CALENZANO – Riuscire a tratteggiare il massacro del Circeo, come comunemente e mediaticamente è stato codificato, senza la narrazione della violenza, senza entrare in facili e raccapriccianti particolari realistici, senza scegliere la semplice tentazione di mettere sul piatto dettagli macabri e sanguinolenti, voyeristici da giornale di gossip, era un'impresa ardua. Il Circeo, 1975, è il caso che aprirà il procedimento per modificare lo stupro da reato contro la morale a reato contro la persona. Ma qui in “Circeo, il massacro” (prod. Teatro delle Donne, Idiot Savant) nel testo di Filippo Renda, anche regista, e Elisa Casseri, i salti drammaturgici sono…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM