Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 764

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 763

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 761

Teatro

Quell'articolo indeterminativo per trasformare le nostre tragedie quotidiane ne “La Commedia”
PADOVA – In questo anno dove ci dobbiamo e dovremmo sorbire Dante Alighieri in tutte le salse e le posizioni, in tutte le versioni e le traslazioni (è giusto festeggiare una morte?), l'operazione del Teatro Stabile del Veneto è tra quelle che abbiamo accolto con più calore per l'originalità, la sperimentazione, l'audacia. Tre grandi giovani drammaturghi nostrani, un regista di indubbia fama e abilità (Fabrizio Arcuri), i neo diplomati dello Stabile per un approccio diverso alla Divina Commedia, declinata al contemporaneo. I tre autori, Fausto Paravidino per l'Inferno, Letizia Russo per il Purgatorio e Fabrizio Sinisi per il Paradiso, hanno…
La "Pandemia" declinata nelle epoche: siamo fragili di fronte al Male
L'AQUILA – Sembra che questo maggio, mese della riapertura dei teatri in Italia, sia anche stato un rilancio, riscoperta e rivalutazione di Eugene Ionesco, autore sempre bollato con l'epiteto di “Teatro dell'assurdo” quell'assurdo che oggi è diventato realtà. A Torino il Teatro Stabile ha messo in scena un glorioso “Le sedie” mentre a L'Aquila un altro Stabile ha concepito questo “Pandemia” che arriva diretto da “Il gioco dell'epidemia” proprio dell'autore franco-romeno che l'autore Giuseppe Dipasquale ha riadattato, spostato, fatto vibrare in varie epoche e quadri, suddividendolo in scene più cupe, più tragiche, ora grottesche, adesso toccanti. “Pandemia” parla dei nostri…
Debutta in teatro il nuovo capitolo della carriera di Alessandra Ferri, "l’heure exquise"
Dal 4 al 6 giugno al Teatro Alighieri di Ravenna, e poi in replica il 13 e il 14 settembre al Carignano di Torino, va in scena L’heure exquise, la “variazione sul tema” compiuta da Maurice Bejart nel 1998 su Oh, les beaux jours (Giorni felici) di Samuel Beckett.Il coreografo marsigliese raccontava di come aveva voluto compiere sulla pièce (da lui definita “la più importante del ventunesimo secolo”) quelle varianti che musicisti importanti hanno da sempre adoperato sui lavori dei grandi maestri. Sull’opera aveva allora immaginato una coreografia astratta, dominata - nel rispetto della filosofia beckettiana -  dal silenzio, dove…
"Tempo inFausto": le mummie, il tempo, la morte e Coppi
PALERMO – L'operazione è senz'altro curiosa ma chiamarla “operazione” non rende giustizia e merito ad un connubio di arti dove, palese e tangibile, si respira poesia, vicinanza, apertura dentro mondi reconditi, nascosti tra lo sterno e il cuore e ben ovattati, fragili, esposti, terreni senza pelle, senza protezione, senza paracadute né scudo. E' una confessione a cielo aperto, la botola che si apre, i fantasmi (che tutti ci portiamo appresso e che ci affaticano e appesantiscono) che lambiscono tutte le nostre esistenze, nessuno escluso. E' per questo che “Tempo inFausto” (prod. Contemplazioni) è una piccola piece intimista e “universale” costruita…
"Le sedie" di Binasco: l'eco del vuoto di dentro
TORINO – La perfezione non è di questo mondo ma l'appena visto “Le sedie” ci si avvicina, teatralmente parlando, moltissimo per empatia, sensibilità, acume, giustezza, armonia. Sostenuto da due attori miracolosi, Michele Di Mauro e Federica Fracassi, che si sostengono, complici, esaltando il testo senza mai soverchiarlo, al suo servizio senza perdere di vista l'obbiettivo, una regia (di Valerio Binasco) ispirata e visionaria quanto tangibile e immersa nell'attualità, una scena (di Nicolas Bovey) che è un campo di battaglia futuristico, distopico di sassi, pietre, calcinacci e appunto sedie. Ne viene fuori un piccolo grande capolavoro che rimarrà nel tempo e…
Il Manifesto: arriva a Roma lo spettacolo teatrale con Francesco Bonaccorso
Dopo essere stato rimandato la scorsa estate causa Covid-19,  debutta finalmente sabato 15 e 16 maggio al Teatro Belli di Roma “Il Manifesto”, spettacolo scritto e diretto da Paolo Roberto Santo ed interpretato da Francesco Bonaccorso. Un monologo ricco di ironia e malinconia, che, partendo dall’esperienza personale del protagonista, affronta un viaggio nel contemporaneo e propone una riflessione sui sogni e le ambizioni di un giovane uomo. Al centro della storia Tommaso, un fuorisede di venticinque anni che, dopo aver conseguito la laurea in “Scienze della Comunicazione”, si barcamena come può per trovare un lavoro e dare uno scopo alla…
Pascal Rambert: l'impossibilità di essere "Sorelle"
TORINO - Curioso che nella stessa città, Torino, ci siano contemporaneamente due spettacoli che hanno per oggetto cardine e feticcio delle sedie, il primo addirittura nel titolo e il secondo questo “Sorelle” (prod. TPE, Triennale Milano). Sedie che, in questo caso, non aiutano a placare, a calmare, non servono per sedersi ma creano un labirinto colorato e inestricabile dove sentirsi ingabbiati, intrappolati. Pascal Rambert ha costruito uno spazio vuoto lucente e bianco, ampio, dilatato (sarà dilaniato), un’arena dove far scontrare due sorelle che mettono sul piatto antiche nostalgie, vecchie ruggini e tutto un passato fatto di accuse, risentimenti, rivisitazioni di…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM