Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 692

Teatro

Il gioco dell'amore e del caso: Marivaux bilingue a tempo di minuetto a Villa Medici
Se l’abito fa il monaco, certamente Villa Medici, palazzo del Cardinal Ferdinando, può contare su un’ottima base di partenza. Anche in fatto di teatro. È successo con un’iniziativa della direttrice dell’Académie de France, Muriel Mayette-Holtz, che ha messo in scena “Il gioco dell’amore e del caso” di Marivaux. Sono passati quasi trecento anni da allora, ma sulla villa al Pincio il tempo sembra essersi congelato. I bassorilievi della facciata interna della Villa e i giochi di volumi e di linee dell’architettura che si offre alla natura (e al pubblico) in punta di piedi, come il Mercurio della fontana, si presta…
Palamede: una luce nel buio, una voce nel silenzio.  Il monologo di Baricco con Solarino chiude il 54° Festival del Teatro Greco di Siracusa
Avanza solenne. Soppesa ogni passo. Aspetto androgino, peplo rosso, corazza e sguardo fiero. La fierezza di chi è consapevole del privilegio di cui investito. Quando attraversa il palcoscenico siracusano, Valeria Solarino esprime un rispetto profondo verso quel luogo antico. Valeria Solarino è la Vergine sacrificale che si concede al dio Teatro, la sua è una processione sacra. Come novella Atena, guerriera dell’intelletto, presta la voce all’eroe cancellato nel monologo di Alessandro Baricco, “Palamede”, che chiude il 54° Festival del Teatro Greco di Siracusa. Valeria Solarino è un Palamede iconico, rappresenta la Verità sconfitta. “Verità” è parola antica. Le sue radici…
Kilowatt 2018, Sacchi di Sabbia, Progetto Demoni, Xavier Bobes: la grandezza del piccolo
SANSEPOLCRO – Da un piccolo passo nascono i grandi viaggi. Da un progetto dal basso come quello dei Visionari, cittadini comuni che selezionano gli spettacoli da inserire nel cartellone di un festival di teatro contemporaneo, il “Festival Kilowatt” di Sansepolcro ne esce ogni anno sempre più rafforzato. Dopo il Premio Ubu speciale di qualche edizione fa, adesso la rassegna di Luca Ricci ha vinto il bando europeo “BeSpectACTive”, assieme ad altri diciannove festival europei che utilizzano il sistema del coinvolgimento da parte della cittadinanza nelle politiche artistiche (2 mln di euro in totale per il quadriennio '18-'22). Ma questo Kilowatt…
Al via la XXV edizione del Festival "I Solisti del Teatro” con “Pierino e il lupo” con Lorenzo Lavia e Antonello Fassari
Prende il via questa sera questa sera, fino al 7 settembre, la XXV edizione del festival “I solisti del Teatro”, da sempre uno degli appuntamenti più affascinanti e attesi del panorama culturale e artistico dell’Estate Romana.La storica rassegna, diretta da Carmen Pignataro, celebra quest’anno un prestigioso traguardo, quello dei 25 anni, dove ogni anno è stato vissuto come un nuovo respiro di creatività, funzionale a delineare nuovi percorsi culturali e a consolidare il Festival come un privilegiato punto di osservazione del mutamento dell'arte e della società. In questa nuova edizione I Solisti si proporranno al pubblico con un variegato programma che…
Il Festival di Almada, 35 vivaci anni di internazionalità
LISBONA – Trentacinque anni di festival, quarant'anni della compagnia che lo organizza. Numeri tondi e importanti per il Festival de Almada, quello spicchio di terra collegato a Lisbona dal grande ponte in ferro rosso. Il Ponte e la statua del Cristo Redentore, i simboli di questa parte che s'affaccia sulla foce del Tejo e guarda l'oceano, grande e misterioso, lì ad un passo. Portogallo è il bacalau, è il pasteis de nata, è, inevitabilmente, Cristiano Ronaldo. Ma anche le maioliche azul che rivestono, dentro e fuori, le chiese, è la Chiesa del convento do Charmo che ha perso il tetto…
Quando la società gracida, parola alle “Rane”: Ficarra e Picone al Teatro Greco di Siracusa
La Parola è una potente Signora, metteva in guardia il sofista Gorgia. E sulla parola, infatti, è giocata “Le Rane”. Terminate le repliche de "I Cavalieri" di Solari, la commedia metateatrale di Aristofane torna al Teatro Greco di Siracusa il secondo anno consecutivo per la regia di Giorgio Barberio Corsetti con il duo di comici palermitani nei ruoli principali. Dioniso (Salvo Ficarra) si mette in viaggio con il suo servo Santia (Valentino Picone) per l’Oltretomba con l’intento di riportare in vita Euripide, poeta tragico per il quale lui – un dio – ha una vera e propria venerazione. Nel panorama…
Napoli Teatro Festival, Riccardo II ed Enrico IV: l’inizio di una serie shakespeariana al teatro Galleria Toledo
Per gli spettatori dell’epoca elisabettiana che affollavano il Globe Theatre, il Rose o il Curtain ciò che contava nella rappresentazione teatrale – e nei drammi storici in particolare – era la riuscita della messinscena e la forza con cui gli attori riuscivano a rendere i personaggi, indipendentemente da rivisitazioni più o meno fantasiose che Shakespeare e i drammaturghi elisabettiani talvolta operavano. Questa necessità è viva ancora oggi che gli eventi della storia inglese narrati dal Bardo sono secoli alle spalle degli spettatori: ciò che conta ritrovarvi, dunque, è quella esplorazione di tutte le pieghe dell’animo umano, quella capacità di Shakespeare…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

@toscadonati al @ClubTenco "I miei nonni, migranti al contrario, mi hanno insegnato la bellezza del diverso" https://t.co/7PHjom7AcB

Digital COM