Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 615

Teatro

Il 78°Maggio Musicale fiorentino ha inaugurato, il 27 aprile scorso, la stagione lirica all’insegna della polemica: scioperano gli addetti della Cgil, tecnici e macchinisti si scontrano con i vertici della Fondazione, privando per questo la prima del Fidelio – unico lavoro teatrale di Ludwig Van Beethoven – di proiezioni e cambi di scena. La regia di Pier'Alli (che si rifiuta di salire sul palco a fine rappresentazione) è stata pesantemente compromessa dall’assenza dei giochi di luce, tanto attesi dai pochi fortunati che son riusciti a vedere la messa in scena altrove. L’opera lirica è stata trasformata, dunque, in concerto, con…
Le casualità sembrano la cartina di tornasole della vita quotidiana, ma solo l’arte può renderle sistematicamente traumatiche e storiche. Lo spettacolo che va in scena dal 21 Aprile al 17 Maggio al Teatro Golden di Roma è una commedia diretta da Augusto Fornari che si avviluppa in maniera interessante attorno all’ilarità della perdita di memoria dopo una partita di calcetto da parte del protagonista – Filippo (Nicolas Vaporidis) – e alle conseguenze emotive che questo evento comporterà per i suoi amici di un tempo. Infatti, Filippo si sveglierà all’interno del suo appartamento quasi accudito da un amico che non vede…
Dopo l’esplosione di una bomba, Louise si risveglia nel rifugio antiatomico del suo amico Mark. Nella paura per la sorte del mondo all’esterno e dei loro cari, i due iniziano ad approfondire il loro rapporto, fino a prima assolutamente superficiale, data la diversità dei loro caratteri: Louise è estroversa e solare, mentre Mark è estremamente timido, sempre escluso e deriso da tutti. I due sono costretti a convivere nel bunker per due settimane, con riserve di cibo che scarseggiano e una lucidità mentale sempre più precaria. Il ritmo è incalzante in questa black comedy che mette in discussione la resistenza…
L'anno scorso al Teatro Studio di Scandicci era tornata in scena l'Eneide di Krypton, uno spettacolo del 1983, incredibilmente innovativo sia dal punto di vista drammaturgico, che da quello musicale, con rappresentazioni in tutto il mondo, arrivando fino a New York, al Teatro La Mama nel 1984. Parte del suo successo è dovuto alle musiche, curate da un gruppo allora esordiente, ma che avrebbe ben presto segnato un punto di svolta nel rock italiano: i Litfiba. "Eneide di Krypton" è anche il titolo del loro primissimo disco (tecnicamente è un EP, ma dura ben 40 minuti), uscito un anno e…
Al teatro Franco Parenti di Milano fino al 30 aprile CollettivO CineticO propone un interessante spettacolo su Amleto commissionato dallo stesso Teatro nell'ambito del festival Tfaddall, ideato nel 2013per i 40 anni dell'Ambleto di Testori. In scena ogni sera quattro candidati che si sfidano per conquistare il ruolo di Amleto; nessuno di loro sa cosa gli attende in scena. Due settimane prima dello spettacolo hanno ricevuto un manuale di istruzioni con all'interno poche ed essenziali informazioni; entrano in scena con il viso coperto da un sacchetto di carta e i muti secondini-danzatori, anch'essi dal volto coperto, li guidano in un…
Fino al 26 aprile al Teatro Franco Parenti di Milano in scena “Finale di partita”; il regista spagnolo Lluis Pasqual ha scelto di raccontare Beckett inserendo i personaggi, che parlano napoletano, in un mondo post-atomico, dove Hamm (Lello Arena) cieco e paralizzato e suo figlio/servo Clov (Stefano Miglio) vivono in una stanza con solo due piccole finestre che si aprono su un mondo che non esiste più. Accanto a loro due bidoni della spazzatura dal quale emergono i due vecchi genitori di Hamm, Nell (Angela Pagano) e Nagg (Gigi De Luca). Uno dei temi centrali è l’incomunicabilità, l’incapacità di ascoltare…
“La passione tinge dei propri colori tutto ciò che tocca”, diceva il filosofo Baltasar Gracian. E così ripetevano ieri sera gli attori della compagnia L'ombelicolo, che, tra le pieghe di un intricato percorso scenico, hanno debuttato con “Labirinto, percorso nelle passioni”. Non aspettatevi il classico spettacolo spettatore-platea, perché Labirinto somiglia più una “casa degli spiriti” in cui al posto delle attrazioni troverete i personaggi, le loro angosce, le loro paure. Un gruppo di spettatori viene lasciato libero di muoversi tra le “pareti” del labirinto alla ricerca di una storia che racconti la passione. Ogni attore recita a strettissimo contatto col…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM