Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 615

Teatro

Al teatro Franco Parenti di Milano fino al 30 aprile CollettivO CineticO propone un interessante spettacolo su Amleto commissionato dallo stesso Teatro nell'ambito del festival Tfaddall, ideato nel 2013per i 40 anni dell'Ambleto di Testori. In scena ogni sera quattro candidati che si sfidano per conquistare il ruolo di Amleto; nessuno di loro sa cosa gli attende in scena. Due settimane prima dello spettacolo hanno ricevuto un manuale di istruzioni con all'interno poche ed essenziali informazioni; entrano in scena con il viso coperto da un sacchetto di carta e i muti secondini-danzatori, anch'essi dal volto coperto, li guidano in un…
Fino al 26 aprile al Teatro Franco Parenti di Milano in scena “Finale di partita”; il regista spagnolo Lluis Pasqual ha scelto di raccontare Beckett inserendo i personaggi, che parlano napoletano, in un mondo post-atomico, dove Hamm (Lello Arena) cieco e paralizzato e suo figlio/servo Clov (Stefano Miglio) vivono in una stanza con solo due piccole finestre che si aprono su un mondo che non esiste più. Accanto a loro due bidoni della spazzatura dal quale emergono i due vecchi genitori di Hamm, Nell (Angela Pagano) e Nagg (Gigi De Luca). Uno dei temi centrali è l’incomunicabilità, l’incapacità di ascoltare…
“La passione tinge dei propri colori tutto ciò che tocca”, diceva il filosofo Baltasar Gracian. E così ripetevano ieri sera gli attori della compagnia L'ombelicolo, che, tra le pieghe di un intricato percorso scenico, hanno debuttato con “Labirinto, percorso nelle passioni”. Non aspettatevi il classico spettacolo spettatore-platea, perché Labirinto somiglia più una “casa degli spiriti” in cui al posto delle attrazioni troverete i personaggi, le loro angosce, le loro paure. Un gruppo di spettatori viene lasciato libero di muoversi tra le “pareti” del labirinto alla ricerca di una storia che racconti la passione. Ogni attore recita a strettissimo contatto col…
Debutta per la prima volta a Roma, dal 23 al 26 aprile 2015, nell’ambito della stagione congiunta DOMINIO PUBBLICO lo spettacolo Iancu un paese vuol dire, un testo di Francesco Niccolini e Fabrizio Saccomanno con Fabrizio Saccomanno. Lo spettacolo per Dominio Pubblico in Regione con la collaborazione di ATCL sarà il 22 aprile all’Opera Prima di Latina. Questo è il racconto di una giornata. Una domenica dell’agosto del 1976 in cui la grande Storia, quella con la S maiuscola, invade la vita e le strade di un paese del Salento. Un famoso bandito, fuggito dal carcere di Lecce due giorni…
Ci sono tanti modi per raccontare il mar: c'è chi lo fa scattando una foto, chi scrivendo una canzone e chi decide invece di immergersi nella sperimentazione drammaturgica, come fanno Chiara Guidi e Fabrizio Ottaviucci al Teatro Vascello a Roma. In scena il 16 e il 17 aprile, "Tifone" è una rielaborazione del celebre racconto di Joseph Conrad, probabilmente uno dei suoi scritti più riusciti. La vicenda del capitano MacWhirr e del suo equipaggio del piroscafo Nan-Shan, alle prese con un uragano nel bel mezzo dell'oceano, viene narrata dal duo legato alla Societas Raffaello Sanzio. La scenografia è quasi del…
“L’uomo è ciò che mangia”, scriveva il filosofo Luidwig Feuerbach, e proprio questa massima sembra essere l’accordo dominante della commedia “Note di cucina” di Rodrigo Garcia, in scena al Teatro dell’Orologio di Roma, con la regia di Giuseppe Roselli. Si parla di cibo e di cucina per rivelare le ipocrisie del nostro tempo, della nostra società e farsene beffa. In scena appare un’unica tavolata composta da quattro singoli tavoli interscambiabili, come i quattro attori in scena: due uomini si contendono due donne sfidandosi a colpi di ricette e provocazioni. Continui botta e risposta, parole che si richiamano e affrontano le…
“Più di tutti ha superato i confini e come Leonardo ha indagato la realtà, reinventandola”. È uno stralcio della stringata introduzione (in linea col carattere schivo del regista) di ieri sera, fatta dal direttore del Teatro Argentina, Antonio Calbi, durante il quarto dei sei appuntamenti della rassegna “Roma per Ronconi”. E più concisa è stata l’altra curatrice, Roberta Carlotto, amica e collega del regista di Susa, con cui nel 2002 ha fondato il Centro Teatrale Santa Cristina di cui tuttora è presidente: “Non mi voglio dilungare. Siamo qui stasera con la voglia di stare con Luca ancora un po’”. E…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM