Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 615

Teatro

Ci sono tanti modi per raccontare il mar: c'è chi lo fa scattando una foto, chi scrivendo una canzone e chi decide invece di immergersi nella sperimentazione drammaturgica, come fanno Chiara Guidi e Fabrizio Ottaviucci al Teatro Vascello a Roma. In scena il 16 e il 17 aprile, "Tifone" è una rielaborazione del celebre racconto di Joseph Conrad, probabilmente uno dei suoi scritti più riusciti. La vicenda del capitano MacWhirr e del suo equipaggio del piroscafo Nan-Shan, alle prese con un uragano nel bel mezzo dell'oceano, viene narrata dal duo legato alla Societas Raffaello Sanzio. La scenografia è quasi del…
“L’uomo è ciò che mangia”, scriveva il filosofo Luidwig Feuerbach, e proprio questa massima sembra essere l’accordo dominante della commedia “Note di cucina” di Rodrigo Garcia, in scena al Teatro dell’Orologio di Roma, con la regia di Giuseppe Roselli. Si parla di cibo e di cucina per rivelare le ipocrisie del nostro tempo, della nostra società e farsene beffa. In scena appare un’unica tavolata composta da quattro singoli tavoli interscambiabili, come i quattro attori in scena: due uomini si contendono due donne sfidandosi a colpi di ricette e provocazioni. Continui botta e risposta, parole che si richiamano e affrontano le…
“Più di tutti ha superato i confini e come Leonardo ha indagato la realtà, reinventandola”. È uno stralcio della stringata introduzione (in linea col carattere schivo del regista) di ieri sera, fatta dal direttore del Teatro Argentina, Antonio Calbi, durante il quarto dei sei appuntamenti della rassegna “Roma per Ronconi”. E più concisa è stata l’altra curatrice, Roberta Carlotto, amica e collega del regista di Susa, con cui nel 2002 ha fondato il Centro Teatrale Santa Cristina di cui tuttora è presidente: “Non mi voglio dilungare. Siamo qui stasera con la voglia di stare con Luca ancora un po’”. E…
Da martedì 21 aprile va in scena la nuova commedia diretta da Augusto Fornari “Ritorno al presente” interpretata da un eccezionale cast di attori per la prima volta sul palcoscenico del Teatro Golden: Luca Angeletti, Elena Di Cioccio, Augusto Fornari, Ruben Rigilo, Nicolas Vaporidis. Scritta da Augusto Fornari, Toni Fornari, Andrea Maia, Vincenzo Sinopoli, la commedia, prodotta da Andrea Maia per il teatro Golden e Vncenzo Sinopoli resterà in scena fino a domenica 17 maggio. Filippo torna a casa dopo la partita di calcetto e accusa un malore. Si accascia a terra apparentemente privo di sensi. Dopo qualche minuto si…
Una famiglia solo apparentemente normale, di quelle "normalità" da far indagare a fior di analisti, distesi sui dolorosi lettini chiodati dei propri ricordi. Questa è la famiglia di "Lucido", pièce teatrale in scena al Teatro Vascello fino a stasera: ironica, sopra le righe, aperta, giocosa, ma anche fragile e piena di significato. Già dalla prima scena il pubblico capisce che sta per assistere a un'esperienza che ha i contorni dell'assurdo: siamo in un ristorante, mamma e due figli aspettano di ordinare, l'improbabile cameriere si rende protagonista di una serie di gag dal sapore surreale. A un certo punto il figlio…
C'è un treno che oltrepassa tre novelle di Pirandello. E' il treno della vita, da attendere senza speranza a una stazione (L'uomo dal fiore in bocca), dal quale vieni scaraventato via senza troppi complimenti (Una giornata) o il cui fischio riaccende un lume di follia che garantisce di fuggire dalle asperità quotidiane (Il treno ha fischiato). Quel treno lo ha preso Fabrizio Falco (classe 1988, ma già interprete di Bellochio o a fianco di Servillo), ci è salito sopra nei panni di Pirandello e ci è passato davanti, al Teatro dell'Orologio, con la carica attoriale di un interprete giovane, ma…
“In fondo solo questo mi interessa: raccontare (ancora una volta) i crimini, anche solo della fantasia. Mettere in scena la follia di chi, ad un certo punto della sua vita, è convinto che il dolore che subiamo, in verità, sia la punizione meritata a quel nostro abbandonare, tradire, violare chi ha scelto di essere, per sempre, nostro.” Con queste parole il regista Giancarlo Marinelli spiega il perché ha scelto di portare in scena proprio “Doppio Sogno”, spettacolo tratto dall’omonimo romanzo di Arthur Schnitzler, un’intrigante novella da cui Stanley Kubrick ha realizzato nel 1999 il suo ultimo capolavoro, “Eyes Wide Shut”.…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM