Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 718

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 722

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 715

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 728

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 708

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 703

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 729

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 732

Teatro

Vucciria Teatro: la sacralità eretica di Immacolata Concezione
C’è una distanza significativa tra le parole che l’uso comune ha reso sinonimiche, c’è differenza, infatti, tra credo e dottrina, tra religione e sacralità, tra simbolico e religioso, diversità che l’ingombrante cultura cattolica del nostro Paese ha annullato, ignorando, così, tutta la potenza della dimensione sacrale nella sua accezione atavica e quindi poetica. Per fortuna esistono gli scrittori, i registi, gli intellettuali che conoscono bene questo scarto ed è proprio su di esso che costruiscono la propria opera. Joele Anastasi, drammaturgo e regista, dimostra con intelligenza di procedere proprio su questa strada, portando in scena al Teatro India, fino al…
Un "Menelao" azzoppato alla ricerca della risata facile
BOLOGNA – Del Teatrino Giullare abbiamo sempre apprezzato lo stile artigianale, le idee feconde, le ombre fervide, le costruzioni di giochi scenici illuminanti e disarmanti nell'incastro obliquo tra attori e manichini fino a perdersi gli uni negli altri, fino a scambiarsi e confondersi, in quel sottile filo di fondo giocoso e inquietante che faceva delle loro messinscene parentesi cult originali nella drammaturgia italiana contemporanea. Fin dall'esplosivo ed eccezionale, e ancora ricordato e menzionato nei foyer, “Finale di partita” da Beckett, una partitura ritmata e ridotta, che la esaltava, su una scacchiera, passando per “Alla meta” di Bernhard o l'oscuro pinteriano…
“Do animals go to Heaven?”: purezza, inquietudine e coscienza. Al Mecenate di Arezzo, il lavoro di Olimpia Fortuni
Con la regia coreografia di Olimpia Fortuni, al Teatro Mecenate di Arezzo, va in scena “Do animals go to Heaven?” nell’ambito della XI edizione della rassegna di danza contemporanea d’autore INVITO DI SOSTA organizzato dall’associazione Sosta Palmizi.L’intero spettacolo ruota intorno alla relazione tra uomo e animale: come viene vissuto questo rapporto? E quali sono gli effetti sulla natura? Il progetto, presentato in prima regionale, è come un invito ad osservare lo stato delle cose, lasciando allo spettatore la libertà di giudicare fino a che punto l’essere umano può spingersi senza comprendere il danno che reca a se stesso e all’altro da…
"Scusate se parliamo d'amore": Carver, mal di viver e alcool
CAMPI BISENZIO – Non è così semplice trasporre l'inchiostro su carta di Raymond Carver su un palcoscenico. Passare i non detto, la suspense, i tempi sospesi, rarefatti e lontani, quelle pause che argomentano le parole già dette e danno corpo e senso a quelle che verranno. E' tutto un gioco di silenzi ed equilibri, di conversazioni che ad una prima occhiata possono sembrare quotidiane, se non banali, normali, in un interno, lui, lei e l'immancabile bicchiere da riempire. Ma si ha sempre la sensazione che il crack sia alle porte, che ad ogni capoverso tutto si possa ribaltare, che tutto…
Con i Tre Barba Il Barbiere di Siviglia diventa pop
Si sono concluse ieri al Teatro Studio Uno le repliche de Il Barbiere di Siviglia, spettacolo portato in scena dal 14 al 17 febbraio, ispirato alla lirica di Gioacchino Rossini e Cesare Sterbini, seconda parte dell’interessante progetto de “I Tre Barba”: Lorenzo De Liberato, Alessio Esposito e Lorenzo Garufo, dedicato alla rilettura in prosa dei libretti delle più celebri opere liriche del settecento. Dopo un Così fan tutte caratterizzato dalla contaminazione di trap, new melodico e trap, realizzano una versione satirica e meta-teatrale dell’opera buffa più celebre di Rossini.  Il loro percorso all’interno del mondo della lirica vuole travalicare la veste…
Lodo-Lopachin in Il giardino dei ciliegi, Kepler-452
"Il giardino dei ciliegi. Trent’anni di felicità in comodato d’uso", in scena al Teatro India di Roma dal 14 al 17 febbraio, è la riscrittura della compagnia Kepler-452 del dramma russo di Anton Cechov. La parola felicità, recita il sottotitolo: «Oh! Infanzia, purezza mia! Dormivo in questa stanza, di qui guardavo il giardino, e tutte le mattine la felicità si svegliava con me! Ed è rimasto com’era, Uguale, intatto! Bianco! Tutto bianco!» (Anton Čechov, Il giardino dei ciliegi, atto I, 1904, corsivo mio).La sera della prima, Il giardino dei ciliegi si apre con la rievocazione dell’immagine della luce fredda, bianca,…
Love's Kamikaze: una storia (d'amore) sempre attuale
Fino a domenica 17 Febbraio, presso il teatro Marconi di Roma, è stato in scena lo spettacolo Love’s Kamikaze, regia di Claudio Boccaccini e testo di Mario Moretti. Ad occuparsi delle scene è stata Eleonora Scarponi, dei costumi Antonella Balsamo, delle luci Marco Macrini, delle musiche originali Antonio Di Pofi e delle foto Tommaso Le Pera. Debuttata nel 2005 presso il teatro Eliseo, la storia racconta il conflitto arabo-israeliano, tema che, ancora oggi, risulta essere troppo attuale e frequente alle nostre orecchie. L’idea di rappresentare un amore contrastato è tratto da una storia realmente accaduta. Due giovani, Naomi di origine…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM