Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Teatro

Volterra Teatro, la seconda volta di Kaemmerle: tutta la bellezza possibile
VOLTERRA – Anche nel Ventennio gli anni erano calcolati dall'inizio dell'avventura fascista. Così Guascone Teatro alla sua seconda esperienza alla direzione del “Volterra Teatro” ci tiene a chiarire e a separare la trentaduesima edizione totale con le due apparizioni. Sta di fatto che Andrea Kaemmerle e soci sono riusciti, dopo il 2017 (il festival è diventato biennale per mancanza di fondi), a riaccaparrarsi e vincere il bando (cinque le strutture invitate a partecipare, in finale sul progetto del gruppo La Conchiglia di Santiago) da 50.000 euro di budget per due settimane piene di programmazione. Volterra caput mundi teatrale: all'interno della…
Esodo di Emma Dante: la tragedia di Edipo rivive al Festival dei 2 Mondi
Uno degli eventi più attesi del Festival dei 2 Mondi di Spoleto è stato senza dubbio l’esordio di Esodo di Emma Dante, frutto di un lungo lavoro della regista con gli allievi della Scuola dei mestieri dello spettacolo del Teatro Biondo di Palermo. Quello di Edipo è forse il mito più noto della cultura classica, probabilmente anche grazie alla sua reinterpretazione in chiave psicoanalitica. Emma Dante riscrive la tragedia di Sofocle, prende l’Edipo Re, lo trasporta in una contemporaneità non meglio identificabile e lo dà in pasto al suo pubblico, contaminandolo con la sua inconfondibile cifra stilistica. Non è l’Edipo che tutti…
Che mondo sarebbe senza l'attore?
FIRENZE – Che strano tipo è l'attore. Un tipo che diventa un topos. Se ne sta da solo, spesso, a raccontare vicende personali o fatti secolari a sconosciuti nascosti nel buio che, in un mondo dove tutto è già stato detto e visto, si aspettano sempre quel qualcosa in più, quel quid che scaldi i loro pensieri, la loro quotidianità, il loro domani annoiato. C'è l'attore riflessivo e quello saggio, sagace, acuto, c'è l'attore che ti mette in difficoltà e quello che ti accarezza e liscia, c'è l'attore gutturale, diaframmatico, flemmatico, esofageo, baritonale, c'è l'attore affabulatore e quello fisico, muscolare,…
Walking Therapie: tramvia, cuffie e camminare spassoso dentro le nostre paure
FIRENZE – Si può riuscire a parlare di temi scottanti, attuali, moderni, profondi e pesanti come la depressione, il licenziamento, l'allontanamento dai figli, anche facendo, e molto, ridere e sorridere. Con una patina di risate si riesce ad andare più a fondo e a far sedimentare quel velo necessario, per comprendere meglio, per immedesimarsi, per calarsi nell'amara situazione di moltissime famiglie dei giorni nostri. Il Teatro di Rifredi sembra aver azzeccato ancora una volta questa formula, un altro cavallo di battaglia che ha il surplus di portare il teatro in spazi non convenzionali. Dopo le infinite stagioni, sempre sold out,…
Il "Sogno" di Shakespeare al Globe Theatre di Roma
Non c’è forse luogo più adatto ad accogliere il “Sogno di una notte di mezza estate” di Shakespeare del Globe Theatre di Roma. La più nota delle commedie del Bardo, infatti, prende vita al confine tra la città – Atene – e il bosco, in cui il sovrannaturale incontra l’umano, dove la notte sbiadisce il confine netto tra realtà e irrealtà tanto da consentire l’apparizione di fate, folletti e delle innumerevoli creature che popolano il bosco. Gli elementi di fondo dell’opera, poi, sono già elencati nel titolo della stessa: alla notte e al sogno, si aggiunge il solstizio d’estate, il…
A LuglioBambino vincono i Moztri: da vicino nessuno è normale
CAMPI BISENZIO – "No, non è vero che non sei capace, che non c'è una chiave" (Caparezza, "Una chiave") Sfogliando la cronaca sembra che ormai il mondo sia diviso in due categorie: quelli che, nel Sud del mondo, per povertà, miseria e ignoranza, fanno tanti, troppi figli e li parcheggiano per strada alla mercé delle intemperie dell'esistenza, a certe latitudini brutale, e chi, nel Primo Mondo occidentale e viziato, mette al mondo piccoli cuccioli d'uomo per riempire le caselle della soddisfazione personale, dell'ego, della realizzazione. Ma il piccolo in arrivo non è, e non sarà, soltanto l'espressione del padre e della…
Una bella edizione di Inequilibrio: Sarteanesi-Bosi, Vico Quarto Mazzini e Babilonia, un teatro che non indugia
CASTIGLIONCELLO – Il Castello Pasquini rimane sempre baluardo, sta imperioso sulla collina con i merli a creare ombre, a prendere il vento, con il dragone di rame sull'angolo a scandagliare il mare. La sera una grande proiezione illumina con scritte e logo il lato b della struttura finto medievale e dalla pineta la visione è estiva, festivaliera, frizzante e nostalgica insieme. Rimane nell'aria quella polvere di stelle di non-detto, ai margini di un bosco da favola dove perdersi tra rami e siepi, dove pungersi, dove diventare grandi. Il clima è sereno, e non parlo di quello meteorologico, l'atmosfera pacata: una…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM