Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 730

Dopo il lancio della Pizza Eataly e il tour delle Pizze del Territorio, arriva a Roma la prima edizione di 'Impronte di pizza' firmata Eataly. L'evento si svolgerà dal 13 al 16 maggio, presso il Ristorante della Pasta e della Pizza di Eataly Roma (Piazzale 12 Ottobre 1492), e avrà come protagonisti alcuni dei nomi più autorevoli dell'arte bianca come: Renato Bosco, Stefano Callegari, Simone Padoan, Franco Pepe e Ciro Salvo, che saranno guidati dal giornalista ed esperto di pizza Luciano Pignataro.

“Negli ultimi anni c'è stata una rivoluzione nel mondo pizza”, spiega Pignataro. “L'attenzione di tutti si è infatti concentrata sulla qualità e si è creato un circolo virtuoso che ha complessivamente migliorato il prodotto partendo proprio dall'impasto. Si sono sperimentate lunghe lievitazioni e ognuno ha trovato il suo stile arrivando a risultati di eccellenza. Mettere a confronto scuole così diverse è interessante perché anche per la pizza, come per ogni cibo, il fine non è il mezzo, ma contano il gusto e la salute del cliente”.

Questa prima edizione, intitolata “Italia in fermento, impasti a confronto”, ha come filo conduttore il confronto e l'analisi delle diverse scuole di pensiero e tecniche di lavorazione dell’impasto. Nel corso dell’evento, infatti, i maestri pizzaioli si alterneranno al banco di lavoro e ai forni, offrendo la possibilità al pubblico in sala non solo di ascoltare esperienze e progetti futuri legati al mondo food, ma anche degustare la loro personale “interpretazione” della pizza.

A introdurre il confronto sarà Antonio Puzzi, responsabile pizza Slow Food. “Pizza è una parola universale e, in quanto tale, ha infinite varianti. Nella sola Italia dei mille campanili, ogni luogo ne dà una specifica lettura: da Napoli a Roma, Genova, Torino, Palermo e Verona, solo per fare alcuni esempi. Nata come ‘speranza’ per saziare la fame, oggi la pizza è sotto la luce dei riflettori e questo ci spinge necessariamente a fare e farci domande. Ecco perché i pizzaioli chiedono ai mulini di differenziare e migliorare l'offerta di materie prime, creano impasti sempre più identitari e portano in tavola ricette che sono frutto di alleanze con i produttori del territorio e immagine della grande tradizione gastronomica italiana."

Impronte di pizza è una delle iniziative della Settimana della Pizza e dei Pizzaioli che animerà gli spazi di Eataly Roma dal 13 al 19 maggio con eventi, incontri e degustazioni. Il suo obiettivo è quello di ascoltare la voce dei più rinomati pizzaioli italiani che hanno lasciato il segno, o la loro impronta gastronomica, nel mondo della pizza, rinnovando il settore, ma anche recuperando le tradizioni e la definizione dell’autentica pizza italiana, aiutando il pubblico a riscoprire la qualità e il valore di un piatto che ha fatto grande la tradizione culinaria del nostro paese. Per Eataly la pizza è infatti “una cosa seria” e una nuova sfida per portare ad un alto livello la qualità dei piatti iconici italiani.

Faranno gli onori di casa Francesco Pompilio, maestro pizzaiolo di Eataly, che ha guidato la definizione della nuova Pizza Eataly, e Fulvio Marino, responsabile delle panetterie Eataly.

Francesca Totaro

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM