Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Roma: alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna la danza dialoga con l’arte

La danza sposa l’arte e va al museo: si terrà infatti domenica 29 novembre 2015, alle ore 16, presso la Sala del Mito della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, una conferenza-dimostrazione di Cristina Caponera (docente di Tecnica contemporanea) e Sandra Fuciarelli (docente di Composizione della danza) su Doris Humphrey e José Limón - due coreografi della Modern Dance tra architettura e scultura, introdotte da Claudia Celi (docente di Storia della danza), con gli studenti diplomandi del Triennio contemporaneo dell’AND.
Prosegue quindi la collaborazione tra l’Accademia Nazionale di Danza, diretta dal Maestro Bruno Carioti, e la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, diretta da Cristiana Collu, con gli incontri incentrati sulla valorizzazione e il recupero del patrimonio storico dell’arte coreutica, ideati e coordinati da Francesca Falcone, docente di Teoria della danza presso l’AND, ed Emanuela Garrone, Storico dell’arte presso la GNAM, con la collaborazione di Elena Viti, docente di Propedeutica della danza presso l’AND.
Questo incontro sarà incentrato sulla filosofia e sulla tecnica di Doris Humphrey e José Limón, tra i più grandi interpreti della Modern Dance, che nelle loro coreografie hanno fatto propri i processi di costruzione spaziali dell’architettura e della scultura.
Attraverso illustrazioni storiche, proiezioni-video, sperimentazioni pratiche, esempi di lezioni e di ricostruzioni di brani tratti da repertori originali, il pubblico potrà assistere a un’ampia panoramica di una forma coreutica considerata oggi un classico della danza moderna.
Cristina Caponera e Sandra Fuciarelli sono tra le massime esperte in Italia di tecnica Humphrey - Limón, i cui principi hanno esercitato una grande influenza sulle nuove forme coreutiche sino ai nostri giorni.
I diplomandi del III Triennio contemporaneo si esibiranno in esercitazioni pratiche e nella celebre “Running Dance”, uno dei brani estrapolati da “Psalm” (1967), gioiello coreografico che fa parte del repertorio della José Limón Dance Foundation e che è stato rimesso in scena da Nina Watt nel giugno 2015 per lo spettacolo finale dell’Accademia Nazionale di Danza.
Gli studenti saranno accompagnati al pianoforte da Paolo Demitri e alle percussioni da Federico Di Maio.
Un interessante dialogo tra arti visive, discipline, saperi e tecniche.

Davide Antonio Bellalba  22/11/2015

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM