Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 676

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 681

Il balletto trionfa ancora. Il pubblico di Fabbrica Europa estasiato per "Arcaico" di Davide Bombana

12. Balletto di Roma Arcaico Gabin Dabire minA Fabbrica Europa, uno dei festival contemporanei per eccellenza, aperto alla sperimentazione e alle nuove proposte, sembra avere la meglio la produzione firmata Balletto di Roma, acclamata con calore dagli spettatori. Anche la danza classica va in cerca di nuovi percorsi, fondendosi alla contemporanea e scegliendo come colonna sonora una musica che distorce il suono classico. Martedì 8 maggio, alla Stazione Leopolda e con coreografie di Davide Bombana, va in scena un’altra prima assoluta: “Arcaico. Azioni coreografiche per cinque danzatori, pianoforte, percussioni e canto”. In scena le musiche originali composte ed eseguite dal vivo da una versatile Katia Pesti che realizza un tappeto sonoro talmente affascinante da distogliere a tratti l’attenzione dalla bellezza della danza. Ad animare la performance anche il cantante africano Gabin Dabiré: la sua voce è lo strumento protagonista, la finestra su un mondo arcaico proprio del Super Io umano e eden rievocato e ricercato nostalgicamente. 1. Balletto di Roma Arcaico Katia Pesti minCome osserva Curt Sachs all’inizio del suo libro “Storia degli strumenti musicali”, la prima manifestazione performativa dell’uomo primitivo è stata quella di soddisfare lo stimolo di battere i piedi ritmicamente, di battere le mani, di colpirsi varie parti del corpo; dunque danza e percussione. Senza prescindere dalla formazione classica, che contribuisce a una resa finale perfetta e ammaliante, Bombana spoglia i danzatori da tutù e scarpette con la punta di gesso, da tecnicismi codificati, da giri e salti. Tra assoli e passi a due, i danzatori mostrano le possibilità di un fisico nerboruto e armonico ma infrangono positivamente le aspettative dello spettatore: dove quest'ultimo si aspetta salti e giri, gli interpreti si lanciano verso il basso o si bloccano. Parallelamente Katia Pesti smonta il pianoforte e lo suona in modo non tradizionale: con una serie di strumenti sfrega, pizzica e colpisce le corde all’interno dello strumento a coda, esplorandone le più svariate potenzialità e creando suoni versatili più che dissonanti. Questo modo di fare musica si sposa felicemente con la voce di Gabon Dabiré, cantante ma anche suonatore di talking drum, kalimba e sonagli africani. È un ritorno al rito e all’origine, dalle eteree e bianche villi del balletto romantico a nere e terrene figure che intendono ripristinare il mondo a favore della tolleranza, della comunicazione, del rapporto con l’altro.

Benedetta Colasanti 9/05/2018

Tagged under Balletto di Roma    Davide Bombana    Arcaico    Fabbrica Europa    Stazione Leopolda    Katia Pesti    Gabin Dabiré   

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM