Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 620

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 615

Visioni di danza

Akram Khan Company in "Kaash" al Romaeuropa Festival 2015
"Dance first, think later. It's the natural order" scrisse Samuel Beckett nel suo "Aspettando Godot": che Akram Khan fosse lì a spiargli gli appunti?In lingua hindi "kaash" significa "se" e forse per Khan, di fronte a ogni quesito possibile o dubbio amletico, la risposta è sempre e comunque la danza.Nella sua coreografia datata 2002 e oggi riproposta al Romaeuropa Festival, si sondano i buchi neri della fisica, si scarnifica l'essenza del dio Shiva: la violenza cosmica, la natura meditativa, il ciclo eterno di creazione e distruzione.Con scene del visual artist Anish Kapoor e musiche del compositore Nitin Sawhney, entrambi artisti…
Gymnopédies, Henri Michaux: Mouvements. La compagnia di culto della danza canadese guidata da Marie Chouinard al Romaeuropa Festival
Stravagante, dalle pose originali e con una vita bizzarra, Herik Satie fu un importante compositore francese.Il belga Henri Michaux fu, invece, uno scrittore e pittore spesso accostato alla corrente surrealista.Entrambi appassionati di esoterismo e di sostanze psicotrope, diventano i protagonisti delle due differenti coreografie create da Marie Chouinard nelle serate del Romaeuropa Festival a lei dedicate.La prima "Gymnopédies", ispirata all'omonima composizione di Satie, è una poetica e ovattata visione che celebra una danza processionale di efebi nudi intenti in strani canti ed esercizi ginnici.Tra vaporosi tendaggi che avvolgono anche il pianoforte, i ballerini abili e affiatati tra di loro, diventano…
Neue Stücke: nuovi giochi nel Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch
La fine di settembre ha segnato l'inizio di una nuova stagione per il Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch: l'Opernhause, per la prima volta dopo la morte dell’artista tedesca, ha ospitato nuove coreografie e nuove atmosfere. Non è stato semplice arrivare a questo punto, ci sono stati cambi di direzione, lunghe riunioni, innumerevoli discussioni e ripensamenti.Inutile anche solo tentare di descrivere il vuoto che unˈartista del genere può lasciare, la responsabilità e il senso di rispetto nei confronti della sua eredità potrebbe paralizzare chiunque. È così è stato. Per sei anni lˈensemble ha portato in scena unicamente pezzi di repertorio avvertendo,…
Pagina 20 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM