Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 620

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 615

Visioni di danza

Neue Stücke: nuovi giochi nel Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch
La fine di settembre ha segnato l'inizio di una nuova stagione per il Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch: l'Opernhause, per la prima volta dopo la morte dell’artista tedesca, ha ospitato nuove coreografie e nuove atmosfere. Non è stato semplice arrivare a questo punto, ci sono stati cambi di direzione, lunghe riunioni, innumerevoli discussioni e ripensamenti.Inutile anche solo tentare di descrivere il vuoto che unˈartista del genere può lasciare, la responsabilità e il senso di rispetto nei confronti della sua eredità potrebbe paralizzare chiunque. È così è stato. Per sei anni lˈensemble ha portato in scena unicamente pezzi di repertorio avvertendo,…
Alla 29ª Edizione di MilanOltre al Teatro Elfo Puccini è di scena “Au temps où les Arabes dansaient…”
Il 25 settembre in prima nazionale per “Francia in scena”, il coreografo franco/tunisino Radhouane El Meddeb e la sua Compagnie de Soi, nella cornice del Teatro Elfo Puccini, nell’ambito della 29ª Edizione del Festival MilanOltre, hanno presentato “Au Temps Où Les Arabes Dansaient…”, un tributo all’Arabia degli anni d’oro, quella del cinema degli anni 40 ai 70 in uno spettacolo - danza coraggioso, per soli quattro interpreti maschili. Ciascuno, con stili diversi e personalissimi, racconta la danza dai primordi ai giorni nostri, in un percorso in crescendo. Originariamente pensato per un progetto di cabaret, col susseguirsi di varie vicende politiche,…
Spellbound a Villa Pamphilij, la danza continua anche quando la musica finisce
Mauro Astolfi coreografa pure il silenzio. Questo il tratto di maggior originalità osservato ieri sera in occasione della “Serata Spellbound”, che ha chiuso la parte estiva degli appuntamenti di “Invito alla danza”, il festival che dal 16 luglio scorso ha animato le serate di Villa Pamphilj. Con la sua compagnia, lo Spellbound contemporary ballet, il coreografo romano, tra i più apprezzati della sua generazione, ha proposto una tripartizione di balletti a cui hanno assistito in molti, nell'arena della villa di Monteverde. Lo spettacolo è partito con il passo a due “Small crime”, sul rapporto spesso conflittuale in una coppia, prosegue…
Pagina 20 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM