Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Venezia: online la mostra dell’Archivio Storico Registe alla Biennale – Biennale Teatro 1934-2016

Da mercoledì 3 giugno, sul sito web della Biennale di Venezia (www.labiennale.org) è online la mostra Registe alla Biennale – Biennale Teatro 1934-2016, che ripropone l’esposizione allestita al Ca’ Giustian nel 2017, in occasione del 45° Festival Internazionale del Teatro dedicato alla regia.

Il materiale è stato attinto dalla collezione dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee e selezionato dal direttore del settore Teatro Antonio Latella

Figure di passate e differenti epoche si ritrovano quindi a dialogare fra loro, divenendo viva testimonianza delle infinite possibilità che quest’arte può offrire. Locandine, manifesti e fotografie che, a detta dello stesso Latella, servono a “recuperare, attraverso adeguata documentazione, anche frammenti di esperienze forse cadute nell’oblio”.

Dagli anni ’50, ad esempio, riemergono personalità come Edwige Feuillère, considerata “la nuova Sarah Bernhardt", Shelah Richards o Krystyna Skuszanka.

Negli anni ’60, invece la Biennale ha avuto l’onore di ospitare delle vere e proprie paladine della rivoluzione teatrale in atto in quegli anni: Judith Malina, fondatrice del Living Theater insieme a Julian Beck e Mina Mezzandri, prima regista teatrale in Italia.

Ma anche negli anni ’70 e ’80 giungono personalità portatrici di nuove visioni, come Meredith MonkDacia Maraini ma soprattutto Pina Baush, ideatrice di un nuovo modo di concepire la danza e il teatro la cui influenza è viva ancora oggi. La selezione di alcuni suoi capolavori voluta fortemente da Franco Quadri rimane sicuramente uno dei punti più alti raggiunti dal Festival. 

Infine non mancano esponenti delle generazioni più recenti, fra cui Monica Conti, Alessandra Vanzi, Emma Dante e Valeria Raimondi (Babilionia Teatri.)

Dopo L’idea del corpo, un altro tassello dell’immenso patrimonio della Biennale Teatro viene caricato online, con lo scopo di valorizzare e rendere disponibili autentici pezzi di storia.

E con la speranza di tornare alla normalità, dopo i recenti avvenimenti dovuti al Covid, è stata già annunciata la 48° edizione del Festival, diretto sempre da Antonio Latella, che si svolgerà a Venezia  dal 14 al 25 settembre

Claudia Silvestri  04.06.2020

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM