Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

La Videoarte di Viola in un’esposizione unica al Palazzo Bonaparte di Roma

La nuova mostra BILL VIOLA. Icons of Light, dedicata al rivoluzionario videoartista statunitense di fama mondiale, è stata inaugurata il 5 marzo e sarà aperta al pubblico sino al 26 giugno presso lo storico Palazzo Bonaparte nel cuore di Roma. Prodotta ed organizzata da Arthemisia con la collaborazione del Bill Viola Studio, l’esposizione è curata da Kira Petrov, moglie dell’artista e direttrice esecutiva dello stesso Studio, che propone un percorso attraverso quindici opere che ripercorrono la carriera di Viola dagli anni Settanta sino alle installazioni più recenti.
I lavori esposti dialogano, in un modo unico, con lo spazio delle sale che li ospitano, rileggendolo in una prospettiva nuova e venendo a loro volta reinterpretati nelle dimensioni e nella portata visiva. Lo spettatore viene, così, posto profondamente al centro d’intense atmosfere intime che lo spingono ad avere una connessione non solo visuale ma anche spirituale con l’opera d’arte. Partendo da The Reflecting Pool (1977-1979), passando da The Greeting (1995) per arrivare alla serie Martyrs (2014), il pubblico può immergersi in alcune delle creazioni più famose e fondamentali del ricercatore newyorkese, riproposte qui per poter meglio raccontare l’evoluzione dell’estetica e della ricerca del loro creatore.
Un perdersi fra i volti, i corpi, gli elementi naturali, la luce, lo spazio e le emozioni che vivono in questo corpus artistico, segnato dall’incredibile riflessione sulla contemporaneità, sull’Arte e sul mezzo tecnico, che da sempre accompagnano la ricerca dell’autore nordamericano. Un viaggio dove il tempo si sospende intorno allo spettatore, in cui, nelle parole della Petrov, “il momento diventa eternità”.

Gustavo Dabove  16/03/2022

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM