Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 615

"Evolution" l''universo Cronenberg in mostra al Lucca Film Festival

Creata dal Toronto Film Festival e ospitata presso la Fondazione Ragghianti per questo Lucca Film Festival, con una speciale sezione intitolata “M. Butterfly” distaccata dentro il Puccini Museum – Casa Natale - la mostra si impone come la più ricca e rappresentativa del repertorio di Cronenberg.

Curata dal direttore del festival canadese Piers Handling e Noah Cowan (primo direttore artistico del TIFF Bell Lightbox che ne inaugurò la prima mondiale nel 2013), ci trasporta nell’universo del regista attraverso materiali di scena, appunti, costumi, plastici, spezzoni di film, filmati inediti e tabelloni attraverso i quali scandagliarne il percorso.

L’oggetto più imponente e curioso è forse la macchina teletrasportatrice di “La mosca”, vicino alla quale sono riportati i disegni e miniature della trasformazione del protagonista nelle varie fasi del film.

Nel percorso troviamo, attraverso l’indagine delle invenzioni di Cronenberg, anche le sue elaborazioni fatte film sui percorsi evolutivi umani (mutazioni comprese), le influenze del sociologo canadese Marshall McLuhan (rintracciabili sempre in “Videodrome” ad esempio) ed i suoi interessi come quello per i media, per i videogame, o per temi come la psicanalisi (nel film “A Dangerous Method”) e politica/economia (in “Cosmopolis”).

La mostra Evolution si allarga con un distaccamento-allargamento all’interno del Puccini Museum – Casa Natale dove si trova una sezione dedicata a “M. Butterfly” (1993), pellicola del maestro candese che ruota attorno alla celebre opera di Puccini: per questo gli è stato destinato un corner nella casa natale del maestro lucchese.

Lì si trovano altri oggetti provenienti dal film oltre a cimeli e documenti autografi propri del museo e di Puccini, disposti in tutta la casa.

Definitiva guida all’interno del repertorio e della mente di Cronenberg, “Evolution” con “M. Butterfly” rimane mostra culto sia per gli appassionati sia per chi si avvicinare al mondo del regista.

 

(Federico Catocci) 

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM