Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Sentieri dell'arte

Cinquant’anni di romanzi a fumetti - e di fumetti romanzati - in mostra a Roma
“Sono un autore di letteratura disegnata: disegno la mia scrittura e scrivo i miei disegni” diceva Hugo Pratt. È proprio con questo spirito che è stata allestita la mostra “Fumetto italiano. Cinquant’anni di romanzi disegnati” al Museo di Roma in Trastevere.Quaranta fumetti scelti per raccontare cinquant'anni di storia della nona arte in Italia. Un progetto ambizioso, una scelta ardua, affrontata con la volontà di celebrare il percorso fatto nell'ultimo mezzo secolo da autori che hanno sia scritto che disegnato le proprie opere, senza dare troppa importanza al formato ma piuttosto alla potenza e coerenza narrativa delle stesse.Una panoramica costruita su…
“Onirica”: Vittoria Regina e l’eco dei sogni
Dal sogno all’obiettivo, le visioni di “Onirica”, della fotografa e modella Vittoria Regina, inaugurano il quarto appuntamento di VISIONAREA, progetto a cura dell’artista Matteo Basilé e dall’Associazione Amici dell’Auditorium Conciliazione, ospitato, fino al 2 maggio, nelle sale del Visionarea Art Space di Via della Conciliazione.Nata a Roma e vissuta tra Bruxelles e Milano, Vittoria Regina coltiva sin da giovanissima la passione per la fotografia, ponendo di fronte alla macchina se stessa e il suo corpo come punto focale del proprio studio: “Sono protagonista e artefice dei miei lavori e questa ricerca sull’autoritratto assume punte anche di ossessione pittorica”. Uno stile,…
Tra marmo e ruggine: gli Androidèi di Pixelpancho
Ospitata nella piccola e suggestiva Galleria Varsi, situata nel cuore di Roma, la mostra di Pixelpancho ci svela il mondo di un artista che, per il ruolo artistico che assume, indugia velatamente ad un tradizionalismo di genere con questo tipo di esibizione. Classe '84, di origini torinesi e con una formazione che lo ha spinto in terra spagnola, Pixelpancho affermatosi nel mondo del graffitismo in Europa decide in quest'occasione di mettere su un'esposizione di pitture che raffigurano i cosiddetti Androidèi, una fusione di uomini e dèi che prendono le forme più svariate e allucinate. All'interno della dimensione di un mondo…
Pagina 21 di 26

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM