Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 764

Lucio Dalla e Paola Pallottino: il nuovo libro di Massimo Iondini racconta il loro sodalizio

«Dice che era un bell'uomo e veniva, veniva dal mare» cantava Dalla al Festival di Sanremo di cinquant'anni fa. Erano le prime parole di 4 marzo 1943, la canzone scritta assieme a Paola Pallottino, storica dell'arte, illustratrice e paroliera, dal cui sodalizio con il cantautore nacquero, oltre alla già citata, le famose Un uomo come me, Il gigante e la bambina, Anna Bellanna.
Il primo verso di 4 marzo dà anche il titolo al libro del giornalista Massimo Iondini edito da Minerva, che racconta la breve ed intensa collaborazione artistica dei due, in un affresco della carriera dei primi anni Settanta dell'artista bolognese.
Iondini, sviscera gli esordi di Dalla avvalendosi di molte testimonianze esclusive dei protagonisti di quegli anni (Gino Paoli, Renzo Arbore, Vince Tempera...) e delle fotografie di Walter Breviglieri; così come penne d'eccezione sono anche quelle che firmano l'introduzione e la prefazione, l'una di Pupi Avati e l'altra di Gianni Morandi.
Grazie all'accurato lavoro svolto assieme alla Pallottino (iniziato con l'opera precedente di Iondini, Paola e Lucio – Pallottino, la donna che lanciò Dalla, [La Fronda, 2020 ndr.]) il libro si sofferma sulla rivoluzione portata nella musica leggera italiana proprio dai versi di 4 marzo 1943: sfidando con le sue parole il suo primo titolo, Gesùbambino, la censura televisiva, portando a Sanremo la storia di una ragazza madre e del figlio avuto da un soldato che «parlava un'altra lingua, però sapeva amare». L'esibizione segnò per Dalla in quel 1971 il suo personale riscatto; già apprezzato dalla critica, ma non dal pubblico generalista, che fino ad allora aveva maldigerito il suo stile compositivo popolare e il suo aspetto trasandato, iniziò da quel momento a scalare le classifiche.
Il contributo di Paola Pallottino, rivela altri retroscena mai conosciuti sugli anni della collaborazione dalliana: si legge anche di una versione musicata dal cantautore, e rimasta inedita, della Ragazza e l'eremita, conosciuta solo nel 1994 grazie all'adattamento fatto da Branduardi.
Dice che era un bell'uomo... il genio di Dalla e Pallottino è disponibile dal 9 marzo nelle librerie e negli store online.


Gabriele Ragonesi  17/03/2021

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM