Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

"L'inviato non esce per caso": il racconto di Gian Piero Galeazzi, in libreria dal 26 gennaio

“Nella mia vita ho attraversato un arcobaleno di colori:
il verde del tennis; il bianco abbagliante del calcio;
il rosso dell’amore per canoa e canottaggio.
Un tricolore di emozioni
che ho sempre sventolato in tutte le mie telecronache.”
 
“L’inviato non nasce per caso” è il principio ispiratore che ha animato tutta la carriera giornalistica di Gian Piero Galeazzi e che dà il titolo a questo libro.
È il suo personale grido di battaglia che lo ha accompagnato nella lunga carriera iniziata negli anni ʼ70 al Giornale Radio, al seguito dei grandi maestri come Sandro Ciotti, Enrico Ameri e Guglielmo Moretti, e proseguita in Tv nel Tg1 di Emilio Rossi e nella redazione sportiva di Tito Stagno, al fianco di Beppe Viola.
Sempre con l’obiettivo di portare a casa il “pezzo” ad ogni costo per raccontare il grande sport italiano e internazionale: dai Mondiali di calcio ai più importanti incontri di tennis degli Internazionali di Roma e della Coppa Davis, dal grande calcio italiano alle appassionanti imprese del canottaggio azzurro che hanno entusiasmato gli italiani e che la sua voce ha reso indimenticabili.
È un racconto autobiografico che mostra, attraverso le luci dell’anima, le stagioni più intense della sua vita, un viaggio appassionante che porta un giovane cronista a diventare un inviato di razza sempre pronto ad esaltare i primati dello sport mondiale. 

Gian Piero Galeazzi, nato a Roma nel 1946, dopo aver intrapreso una carriera agonistica ad alto livello come canottiere, è entrato in Rai nel 1970 e vi ha sempre lavorato, sia come inviato in occasione dei principali eventi sportivi internazionali – Olimpiadi, Mondiali di calcio, grandi tornei di tennis – sia partecipando a tutte le trasmissioni sportive di rilievo, da “La Domenica Sportiva” a “Dribbling”, da “Mercoledì Sport” a “90° Minuto”, che ha condotto fino al 1999. Il grande pubblico lo ha seguito soprattutto come inviato sui campi di calcio e come telecronista di tennis, canoa e canottaggio, e ne ha apprezzato anche le doti di intrattenitore quando, nel 1994, Mara Venier lo ha voluto accanto a sé in “Domenica In”. La Commissione del Premio “Bancarella Sport” gli ha attribuito il premio speciale alla carriera 2015.

“L’inviato non esce per caso”
Casa editrice: Rai Eri 
Pagine: 240
Prezzo: 18 euro 

A.S.

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM