Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Arriva a Roma “VinNatur”, il Salone dei vini naturali che dicono “no alla chimica”

Da sabato 12 a lunedì 14 novembre si terrà a Roma, nella suggestiva location dell’ex Cartiera Latina nel Parco Regionale dell’Appia Antica, il Salone dei vini naturali VINNATUR ROMA 2016.
L’evento, organizzato dall’Associazione Viticoltori Naturali VINNATUR, raccoglierà nella capitale ben 78 produttori di vino naturale provenienti da 13 regioni italiane, da Spagna, Slovenia e alcune rinomate zone vitivinicole francesi, quali Champagne, Alsazia, Roussillon, Herault e Loira.
La naturale scenografia del Parco dell’Appia Antica diverrà il palcoscenico ideale per accogliere vinaioli, donne e uomini che mettono la natura al centro del loro mondo e della loro vita. Infatti, tutti i produttori presenti coltivano le loro viti e vinificano il loro vino senza l’aiuto della chimica, rifiutando pesticidi e diserbanti, producendo vino attraverso un’agricoltura sana e rispettosa dell’ecosistema e dell’uomo.
Il fondatore e attuale presidente di “VinNatur”, Angiolino Maule, ha affermato che ha scelto per la prima volta di organizzare un salone a Roma con l’intento di festeggiare la fine della vendemmia e la conclusione di un anno molto importante per l’associazione, con la crescita di viticoltori naturali, progetti di ricerca sul tema della fertilità biologica e l’incremento della biodiversità in vigna. È stato inoltre approvato , nello scorso luglio, il “Disciplinare di produzione del vino VinNatur”, che fissa le regole da rispettare per far parte dell’associazione e offrire ai clienti vini figli del rispetto del territorio.
Durante queste tre giornate i visitatori potranno degustare oltre 300 vini provenienti dai territori vitivinicoli di tutta Italia, dai più noti ai meno conosciuti, ottenuti nella maggioranza dei casi da vitigni autoctoni, alcuni dei quali riportati a nuova vita dai coraggiosi vignaioli che hanno creduto nelle peculiarità delle loro terre.
Molto curato sarà anche il lato gastronomico del Salone grazie alla presenza di selezionati artigiani produttori di materie prime da abbinare all’assaggio dei vini.

Maresa Palmacci 04/11/2016

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM