Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Targhe Tenco 2018: i vincitori

Motta, Mirkoeilcane, Giuseppe Anastasi, Fabio Cinti, Francesca Incudine e l'album a progetto Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty sono i vincitori delle Targhe Tenco 2018, il riconoscimento assegnato dal 1984 ai migliori dischi italiani di canzone d’autore usciti nel corso dell’anno trascorso. Gli artisti e i progetti discografici sono stati votati dalla più ampia giuria in Italia composta da giornalisti e critici musicali.

DISCO IN ASSOLUTO
Francesco Motta vince con l'album "Vivere o morire" (Woodworm/Sugar). A due anni di distanza dalla Targa per la migliore opera prima a La fine dei vent'anni, Motta si aggiudica quella per il disco in assoluto spuntadola su Filippo Andreani ("Il secondo tempo"), Alessio Bonomo ("La musica non esiste"), Ermal Meta ("Non abbiamo armi"), Mirkoeilcane ("Secondo me") e The Zen Circus ("Il fuoco in una stanza").

MIGLIOR CANZONE
Mirkoeilcane vince la categoria con la canzone che lo ha portato alla ribalta anche al Festival di Sanremo, "Stiamo tutti bene" (Fenix Entertainment). In finale c'erano anche Ginevra Di Marco ("Ninna nanna in fondo al mare"), Alessio Lega ("Ambaradan"), Motta ("Mi parli di te" e "Vivere o morire"), The Zen Circus ("Catene" e "Il fuoco in una stanza"), Agnese Valle e Pino Marino ("Come la punta del mio dito").

OPERA PRIMA
La migliore opera prima dell'anno è "Canzoni ravvicinate del vecchio tipo" di Giuseppe Anastasi (Giuro Universal Music/Artist First). Facevano parte delle nomination: Francesco Anselmo ("Il gioco della sorte"), Dunk ("Dunk"), Andrea Poggio ("Controluce"), Paola Rossato ("Facile").

MIGLIOR ALBUM IN DIALETTO
A spuntarla è la siciliana Francesca Incudine con "Tarakè" (Isola Tobia Label). Gli altri candidati erano: La Maschera ("ParcoSofia"); Peppe Lanzetta ("Non canto, non vedo, non sento"); Elena Ledda ("Làntias"); Otello Profazio ("La storia").

INTERPRETI DI CANZONI NON PROPRIE
Si aggiudica la targa interprete Fabio Cinti con l'omaggio a Franco Battiato "La voce del padrone - un adattamento gentile" (Private Stanze). Gli altri finalisti erano Patrizia Cirulli ("Sanremo d'Autore"), Corsi / Alloisio ("Luigi"), Grazia Di Michele ("Folli Voli"), Marco Rovelli ("Bella una serpe con le spoglie d'oro").

ALBUM COLLETTIVO A PROGETTO
La nuova categoria, introdotta quest'anno e riservata ai dischi che vedono la collaborazione di più artisti, viene vinta dal progetto "Voci per la libertà - una canzone per Amnesty". Gli altri finalisti erano "Ama chi ti ama", "Cantautori per Amatrice", "Ko computer", "La bellezza riunita". 


Tutte le informazioni sulle Targhe Tenco si possono trovare all’indirizzo: www.clubtenco.it 

Le Targhe verranno consegnate nell'ambito della Rassegna della Canzone d'Autore (Premio Tenco 2018) organizzata dal Club Tenco con il contributo del Comune di Sanremo, SIAE, NUOVOIMAIE, Casinò di Sanremo, Regione Liguria, Camera di Commercio delle Riviere di Liguria e Coop Liguria, in programma al Teatro Ariston di Sanremo dal 18 al 20 ottobre.

Redazione 05/07/2018

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM