Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Dopo i singoli “Concedetemi un giorno” e, esclusivamente su YouTube, “sConosciuti a Milano”, venerdì 22 marzo esce su tutti i digital store RUVIO, il primo album omonimo del cantautore che inaugura le produzioni di Non è mica Dischi, etichetta nata dal concorso "Non è mica da questi particolari che si giudica un cantautore", col supporto di Noteum Srls.

Il primo album di RUVIO nasce dalla necessità di raccontare il battere incessante dei tempi moderni, in cui la volontà di essere se stessi va di pari passo col bisogno di sentirsi diversi. La tracklist, nella quale sono contenuti i due singoli “Concedetemi un giorno” e “sConosciuti a Milano”, si compone di 8 brani che tracciano un percorso à rebours nei ritmi e nelle sonorità. Affrancato dalla ricerca di una nuova estetica musicale e linguistica, questo disco d’esordio del giovane cantautore, ingegnere e ricercatore universitario si propone come una sorta di lungo ritornello, talvolta un po’ scanzonato, che coniuga densità e pensosa leggerezza.Alessandro Ruvio

Il disco omonimo di RUVIO, che uscirà il 22 marzo su tutti i digital store, verrà presentato a Roma in concerto domenica 24 marzo a ‘Na Cosetta.

RUVIO è nato a Cosenza nel 1985. Cantautore e ricercatore universitario, nel 2008 compone la colonna sonora del libro “Colibrì e i libri nitidi” di Francesco Giannino (Officine Buone Onlus) con la collaborazione dell’attore italiano Loris Fabiani. Nello stesso anno compone un disco di colonne sonore dal titolo omonimo. Nel 2009 è il chitarrista del musical “E mi ritorni in mente 2” con Franco Oppini per la regia di Renato Giordano. Nel 2013 comincia a scrivere canzoni, pubblicando solo i videoclip degli inediti “Guardavo te” (Classifica MEI), “A te” e “Lo stesso passo” per la regia di Fabio Rao. Dal 2017 comincia ad esibirsi dal vivo e con “Lo stesso passo” arriva in semifinale al Premio Pierangelo Bertoli. Nel 2018 è tra i finalisti di “Non è mica da questi particolari che si giudica un Cantautore”, concorso di scrittura di canzoni su commissione. Milita da dieci anni nei “The Rubber Soul”, con cui partecipa a programmi televisivi RAI come “Domenica In” e “I raccomandati”.

U.s.
20/3/2019

Lo scorso primo marzo è uscito “L’innocenza dentro me”, opera prima di SALE (nella vita Eugenio Saletti), ventenne cantautore romano. Un disco ricco di spunti e sonorità differenti, legati insieme - come un concept album - dal tema dei cambiamenti della vita: dieci tracce che raccontano il passaggio dall’adolescenza alla età adulta e le inevitabili difficoltà di relazionarsi con un mondo nuovo.
Multistrumentista (suona chitarra, basso, pianoforte e tastiere), SALE in questo primo lavoro intende far emergere le potenzialità del suo percorso artistico che attinge alla tradizione della canzone d’autore italiana, unita alla passione per il rock inglese e a sonorità elettroniche.Copia di SALE Paolo Soriani b

"L'innocenza dentro me" oltre a SALE che suona chitarre, basso, piano, tastiere, vede la partecipazione di Seby Burgio a piano e tastiere (già collaboratore di Enrico Rava, Fabrizio Bosso, Mannarino, Mario Venuti, Roy Paci...), la coppia ritmica formata dal basso potente di Martina Bertini (Ermal Meta, Nathalie, Nesli, Alice Paba…) e la batteria di Filippo Schininà (Leo Pari, Giulia Anania, Barbara Eramo, Mimmo Locasciulli, Nidi D’Arac), la giovane voce di Cristina Cecilia con la quale duetta nel brano "Rimani" e l'apporto in due brani con testi di due cantautori, Lorenzo Lepore e Jacopo Troiani, dell'Officina Pasolini la scuola di alta formazione musicale diretta da Tosca che SALE frequenta da un anno. La produzione artistica è del multistrumentista e compositore Stefano Saletti.
Il video del primo singolo è stato realizzato da Pierfrancesco Bigazzi & Materiali Sonori Pictures. https://www.youtube.com/watch?v=7g-2ua1EKx4

“L’innocenza dentro me” è prodotto dalla storica etichetta indipendente Materiali Sonori ed è stato realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”.

Foto: Paolo Soriani

U.s.
20/3/2019

Dopo il primo singolo Concedetemi un giorno, è uscito martedì 26 febbraio, esclusivamente su YouTube, “sConosciuti a Milano”, secondo brano del progetto discografico di Alessandro Ruvio che inaugura le produzioni di Non è mica Dischi, etichetta nata dal concorso "Non è mica da questi particolari che si giudica un cantautore".
La canzone anticipa l’uscita del primo disco del giovane cantautore, ingegnere e ricercatore universitario, prevista per marzo 2019 col supporto di Noteum Srls.
“sConosciuti a Milano” mescola i titoli di grandi successi del Festival di Sanremo per raccontare il gioco dell’amore. Febbraio: mese dell’amore e del Festival della canzone. Milano, l’euforia e la frenesia regolano il tempo di un incontro. La foga di apparire appanna la voglia di andare a fondo, cedendo al consumismo sfrenato dei nostri tempi. Prendersi, lasciarsi, ritrovarsi, conoscersi è, in fondo, sConoscersi e l’arte dell’amore si può imparare con un giro di giostra.
Alessandro Ruvio comincia a scrivere canzoni nel 2013, pubblicando i videoclip degli inediti “Guardavo te” , “A te” (www.vesposition.com) e “Lo stesso passo” per la regia di Fabio Rao. Dal 2017 comincia a esibirsi dal vivo e con “Lo stesso passo” arriva in semifinale al Premio Pierangelo Bertoli. Milita da dieci anni nei “The Rubber Soul”, con cui partecipa a programmi RAI come “Domenica In” e “I raccomandati”. Nel 2018 è tra i finalisti della seconda edizione di ”Non è mica da questi particolari che si giudica un Cantautore”, il contest romano di scrittura su commissione giunto quest’anno alla terza edizione.

RUVIO – sCONOSCIUTI A MILANO <<<<<< https://www.youtube.com/watch?v=osDQpywUqp4

Musica e parole: Alessandro Ruvio
Arrangiamento e produzione: Mattia Deriu
Mastering: Eleven Mastering
Produzione: Non è mica Dischi
Edizioni: Noteum Srls

L’ETICHETTA

Da una costola del concorso "Non è mica da questi particolari che si giudica un cantautore" il 26 giugno è nata Non è mica Dischi, etichetta discografica che, in collaborazione con Noteum Srls, funge da contenitore culturale di tutto il progetto targato “Non è mica”. Sulla scia degli obiettivi principali del concorso, Non è mica Dischi ha come obiettivo quello di diventare, con serietà ed etica professionale, un veicolo importante per la canzone d’autore e per la musica di qualità in Italia.

 

U.s.

26/02/2019

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM