Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Print this page

La Raffaele a Sanremo, in veste di Virginia ma in abiti di Armani Privé e...

Martedì 5 Febbraio, Virginia Raffaele, Claudio Baglioni e Claudio Bisio hanno finalmente sceso le scalinata del teatro Ariston di Sanremo, dando ufficialmente il via alla 69 edizione del Festival della canzone italiana. Oltre ad essere l'evento dell'anno più seguito per le esibizioni musicali degli artisti in gara, il Festival di Sanremo è atteso anche per l'arrivo di ospiti importanti e per i look sfoggiati soprattutto dalla regina della serata. Quest’anno, il ruolo tanto ambito è andato alla bravissima e bellissima Virginia Raffaele, nota soprattutto per le sue divertenti imitazioni di Donatella Versace, Belen Rodriguez, Carla Fracci, Sandra Milo e Sabrina Ferilli. E allora, quale momento migliore per scrutare tra i capolavori proposti da alcune delle più conosciute case di moda, se non quello del Festival di Sanremo, dove, l’attenzione all’abito della presentatrice non è, di certo, posto in secondo piano.

Il debutto della conduttrice sul Teatro Ariston è stato firmato da Armani Privé. Infatti, l’attrice ha accolto gli applausi d’esordio in un lungo tubino nero dallo spacco bianco laterale e da un leggero strascico che snelliva, ancor di più, il suo bel fisico agile e longilineo. Il secondo abito, anch’esso opera di Armani Privé, è un modello da cocktail sopra il ginocchio, di base nera e arricchito da una retina di cristalli colorati. L’ultimo capo del martedì sera è un tubino nero con una vivace scia di strass dal decolté a V alla fine dello spacco laterale. Come prima serata può andare ma da una donna così bella come la Raffaele, ci si poteva aspettare sicuramente qualcosa che la valorizzasse di più. Il colore nero è stato ripreso anche mercoledì da Schiaparelli, attraverso un vestito classico e formale, illuminato sul decolté da un motivo di brillanti a forma di cuori. Quello che però passerà alla storia è sicuramente l’abito principesco che la bella imitatrice ha sfoggiato verso metà serata, un ingombrante capo red passion, stile principessa, ampio e vaporoso, firmato Atelier Emé, valorizzato da un grande ed evidente fiocco rosso legato in vita. Si chiude la seconda serata del Festival con un terzo abito, firmato ancora una volta da Schiaparelli, un raffinato ed elegante modello dalla base nera con rifiniture color argento, dalle spalline importanti e sporgenti e dalla scollatura abbastanza decisa. Ad arricchire l’ultimo capo di mercoledì, la presenza di motivi decorativi color blue e bordeaux sulle spalline e sul lato sinistro del vestito.

La serata più discussa è stata sicuramente la terza, firmata di bianco da Giambattista Valli. La conduttrice ha attraversato il palco con un lungo abito dalle linee morbide, stile dea dell’Olimpo. Il cambio look è avvenuto verso metà puntata e la Raffaele non ha perso l’occasione per mostrare le sue bellissime gambe con un modellino corto in pizzo bianco, decorato da fiorellini neri e rosa pallido. La penultima serata si è affidata a Philosophy by Lorenzo Serafini, anche stavolta una versione in “total black”. Pare che questa sia stata la firma più gradita dagli appassionati di stile. Il primo abito è stato un lungo monospalla nero ricoperto di glitter. Non è passato inosservato il profondo spacco laterale che lasciava intravedere il sandalo scuro e argento dal tacco vertiginoso. Un look a dir poco meraviglioso! Il secondo vestito è un modello sempre nero e ricoperto ancora una volta da una piacevole pioggia glitterata. Lo scollo è all’americana, la gonna è ampia con spacco laterale ed è rifinita in vita da una delicata cinturina color argento. Uno stile sicuramente elegante, raffinato e semplice, molto più adatto stavolta al fisico mozzafiato della Raffaele. Per congedare il Festival di Sanremo 2019, la presentatrice si è affidata, come nell’esordio dell’evento, al prestigioso Armani Privè. Infatti, la serata di sabato ha visto sfoggiare una moltitudine di colori e modelli, da uno stile a sirena rosso e nero, al classico tailleur bianco e a un raffinatissimo tubino nero a maniche lunghe in tulle e polsini scuri, firmato ancora una volta Armani Privé. L’abito nero è stato anche quello della premiazione finale, che ha visto sul podio giovani talenti della musica, favorendo al primo posto Mahmood, con il brano “Soldi”; al secondo posto Ultimo, con il testo “I tuoi particolari” e al terzo posto Il Volo, con “Musica che resta”. Per le calzature, ogni sera la Raffaele ha indossato modelli Casadei, mentre, per i gioielli, le magnifiche creazioni di Chopard.

Greta Terlizzi 10/02/2019

 

Pubblicato in News