Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Rock in Roma 2019: un’edizione all’insegna della ricchezza e della diversità musicale

Più di 180 concerti, quasi 2 milioni di spettatori, circa 18 milioni di utenti che ne hanno ricercato informazioni sul web: queste le cifre raccolte, durante i suoi 10 anni di vita, dal Rock in Roma.

Arrivato alla sua undicesima edizione, il festival ideato da Maxmiliano Bucci e Sergio Giuliani (presenti alla conferenza stampa di presentazione tenutasi la mattina del 10 aprile presso la sala Pietro da Cortona dei Musei Capitolini) aumenta la sua già ricca offerta. Non solo portando il numero di cantanti inseriti nella line-up da 18 a 29 (con altri nomi che potrebbero essere annunciati a breve), ma anche aggiungendo ai palchi delle 4 location confermate dalla scorsa edizione (Ippodromo delle Capannelle, Teatro Romano di Ostia Antica, Auditorium Parco della Musica, Circo Massimo), un ulteriore venue.
La novità di quest’anno è, infatti, lo sdoppiamento dello spazio dell'Ippodromo delle Capannelle, che ospiterà i suoi 18 artisti sui palchi del Red Stage e del Black Stage. Una scelta che permetterà ad artisti ancora poco conosciuti di poter partecipare al festival, esibendosi in ambienti più consoni alle loro non ancora totalmente consolidate realtà.

Una novità che ben si sposa con una delle attività ritenute primarie dagli organizzatori: quella di scouting di giovani talenti da lanciare a livello nazionale e internazionale (come avvenuto, ad esempio, l’anno scorso con Coez). Obiettivo che viaggia di pari passo con un ormai stabile sguardo verso il sociale. Da sempre, infatti, Rock in Roma è un evento a impatto zero: un’occasione per promuovere comportamenti sostenibili, in modo da legare indissolubilmente passione per la musica e rispetto per l’ambiente. Proprio per questa sua attitudine “green”, nelle location dei concerti saranno predisposte delle isole ecologiche per la raccolta differenziata. Saranno ospitate, inoltre, delle aree di SAVE THE CHILDREN.

Ma, dando un’occhiata alla ricca e variegata line-up di quest’anno, si capisce come l’intento principale dell’edizione 2019 del Rock in Roma sia quello di offrire una programmazione quanto mai articolata e diversificata, superando tutte le barriere di generi e aprendosi alle nuove scene emergenti. Un leitmotiv ribadito dai fondatori Sergio Giuliani («’rock’ non sta a indicare un genere specifico, ma una più generale attitudine verso la musica») e Maxmiliano Bucci («c’è chi negli ultimi anni si è lamentato del fatto che alcuni nomi non fossero particolarmente ‘rock’, ma è giusto che si presti la dovuta attenzione a quelli che sono i movimenti e le tendenze più importanti»). Ed è per questo che, sui palchi del Rock in Roma 2019, sarà possibile spostarsi dall’elettronica dei pionieristici Kraftwerk e dei nostrani Subsonica, al rock energetico degli Skunk Anansie e dei Thirty Seconds to Mars; dal prog degli Anathema e degli Haken, al metal degli Animals as Leaders (headliners della prima edizione del tematico INDJENT FESTIVAL); dalle sonorità innovative di alcuni dei nomi più rilevanti della scena rap/trap italiana – come Salmo, Gemitaiz, Ketama126, Capo Plaza –, a quelle storiche e riconoscibili di veterani italiani e internazionali – quali Ben Harper, Nick Mason (Pink Floyd), J Ax + Articolo 31, Negrita, Marlene KuntzLoredana Bertè –. Il tutto riservando anche un ampio spazio alla nuova ondata di cantautorato italiano che tanto successo sta riscuotendo negli ultimi anni. Non è un caso che a chiudere il festival, sul prestigioso palco del Circo Massimo, ci saranno i Thegiornalisti (7 settembre). Prima di loro, nei mesi di giugno e luglio, si avvicenderanno alcuni “pesi massimi” della scena indie italiana quali Calcutta, Carl Brave, Franko126, The Zen Circus ed Ex-Otago.

LINE-UP:

Ippodromo delle Capannelle

23 giugno: Anathema
27 giugno: Calcutta
30 giugno: Capo Plaza
2 luglio: Franco126
4 luglio: Gemitaiz
5 luglio: The Zen Circus
6 luglio: J-Ax + Articolo 31
7 luglio: Haken
11 luglio: Bad Bunny
12 luglio: Salmo
13 luglio: Carl Brave
14 luglio: Ozuna
17 luglio: Subsonica
18 luglio: Ketama126 + Speranza + Massimo Pericolo
19 luglio: Ex-Otago + Viito
23 luglio: The Blaze
26 luglio: Luchè
27 luglio: Animals As Leaders

Teatro Romano di Ostia Antica

27 e 28 giugno: Kraftwerk
9 luglio: Negrita
11 luglio: Neurosis + Yob
12 luglio: Marlene Kuntz
27 luglio: Loredana Bertè

Auditorium Parco della Musica – Cavea

3 luglio: Thirty Seconds To Mars
8 luglio: Skunk Anansie
13 luglio: Ben Harper & The Innocent Criminals
16 luglio: Nick Mason’s Saucerful of Secrets

Circo Massimo

7 settembre: Thegiornalisti

Francesco Carrieri, 10-04-2019

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#musica @danielecelona in #abissitascabili: un album/fumetto per i supereroi del nuovo millennio Giorgia Groccia https://t.co/FRbaVw7KVO

Digital COM