Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Reggio Film Festival: dal 20 ottobre a Reggio Emilia il Festival del cortometraggio, con opere provenienti da tutto mondo

Partirà martedì 20 ottobre la quattordicesima edizione del Reggio Film Festival, che animerà la città con tinte e protagonisti del cinema italiano e internazionale fino al 26 ottobre.
Il Festival e concorso dedicato ai cortometraggi, realizzato dall’Associazione Cine Club Reggio con il supporto del Comune di Reggio Emilia e diretto da Alessandro Scillitani, ha scelto quest’anno, come tema guida dell’evento, l'attesa, un concetto intrinseco al racconto cinematografico stesso.
Il Festival offre un ampio ventaglio di opere: ben 94 pellicole rappresentative della cultura filmica di molti paesi, tra cui Iran, Giappone, Myanmar, Repubblica Ceca, Estonia, Lituania, Lettonia, Norvegia, Finlandia, Argentina.
Come ha spiegato il direttore artistico Alessandro Scillitani, “tanta affluenza di materiale da tutto il mondo, è il segno evidente di un genere, quello del corto, che sta avendo un successo sempre più dilagante. Lo dimostra anche la frequenza sempre maggiore di pubblico al festival in questi ultimi anni. Per più ragioni: perché costa di meno, perché permette in tempi rapidi realizzazioni spesso argute. È arrivato il momento che reti televisive e sale cinematografiche inizino a programmare questi contenuti. Che peraltro rispondono brillantemente alle esigenze di velocità da parte dell’utente medio.”
Tra i vari ospiti di questa edizione, sarà presente la brava attrice Sabrina Impacciatore, interprete di “Ad esempio”, cortometraggio in concorso. Mentre tra gli invitati internazionali spicca il noto attore inglese Peter Faulkner, attore in alcuni cortometraggi, tra cui il “All the Pain in the World” diretto da Tommaso Pitta, anch'egli ospite del festival nel pomeriggio di domenica 25.
Non manca la casa di produzione francese Affreux, Sales & Mechants, che realizza corti e lungometraggi, tra cui “Rien ne Peut t’arrêter” (2014) e “I'm a Sharpener” (2013); a rappresentare questa importante realtà parigina saranno il produttore Vladimir Feral e il regista Alexandre Labarussiat autore di “La Ville est Calme”.
Il Regio Film Festival però non si limita solo alle pellicole, ma propone eventi che toccano diversi ambiti, dalla danza, con la compagnia Aterballetto che presenterà lo spettacolo “SENTieri”, fino alla storia, con l’incontro “Srebrenica 20 anni dopo il massacro”, durante il quale interverranno il regista bosniaco Ado Hasanovic, l'attrice Nela Lucic, l'autrice e attrice Roberta Biagiarelli, la giornalista Valentina Barbieri e altri ospiti, per ricordare una delle pagine più buie del secondo Novecento.
Nel pomeriggio di sabato 24 saranno inoltre proposti anche gli spot che hanno partecipato al bando per giovani videomakers “La differenza è creativa”, sul tema delle discriminazioni di genere.
Un’altra importante novità di questa edizione sono i Workshop del Reggio Film Festival: un corso di Critica Cinematografica condotto da Ivan Moliterni (Bobbio Film Festival di Marco Bellocchio), un serio approfondimento per analizzare un film, interpretarlo, leggere i generi, e un corso di Sceneggiatura condotto da Demetrio Salvi (docente presso la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi).
Il programma completo sul sito www.reggiofilmfestival.com

Silvia Mergiotti 17/10/2015

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM