Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Luci e ombre di una dittatura lontana e vicina: “Colloquio notturno con un uomo disprezzato” di Friedrich Dürrenmatt debutta al Teatro Garage di Genova

Debutterà sabato 14 maggio alle ore 21 al Teatro Garage di Genova Colloquio notturno con un uomo disprezzato di Friedrich Dürrenmatt per la regia dell’attrice e regista genovese Emanuela Rolla. E' prevista anche una replica domenica 15 maggio alle ore 19.
Nato come radiodramma, il testo di Dürrenmatt è un piccolo capolavoro sulla forza civile, sul significato del potere dittatoriale e sulla meschinità della cultura borghese. La storia è centrata sull’incontro-scontro fra due uomini – un boia (Roberto Zicari) e la sua vittima (uno scrittore interpretato da Valter Rebaudo) – che dialogano sulla dittatura che si auto-illude di essere salvatrice quando è poco più che carnefice.
Il dialogo tra i due protagonisti, entrambi, a loro modo vittime anche se in maniera diversa di un sistema malato e di una menzogna resa credibile dall’ignoranza del popolo e dalla manipolazione dei potenti, apre uno spaccato sulla natura della tirannia, sul valore del singolo e sulla impertinenza della carne contrapposta all’immortalità dello spirito.
Ma Colloquio notturno con un uomo disprezzato è soprattutto un’opera sull’ “arte di morire” (per citare uno dei due personaggi) e di come questa dia significato alla vita: la fase finale e forse più importante del vivere che azzera le nostre differenze e ci rende veramente tutti uguali. Non è forse vero che la maniera in cui si va incontro alla morte racconta il modo in cui si è vissuto e permette di capire chi siamo un pochino di più?
La regia di Emanuela Rolla, grazie all’allestimento di Luca Maschi, gioca con le luci per dare vita a un mondo indefinito, vicino ma lontano nel tempo e nello spazio, composto da piccoli oggetti incastonati in una sezione di spazio scenico, una finestra sulla vita dello scrittore/condannato a morte in cui il suo aguzzino, mero braccio dei potenti, annaspa mentre realizza la fragilità dell’essere umano.

 
Pierfranco Allegri  13/5/2022

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM