Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

La rinascita delle mostre e dei musei in Italia, dopo la pandemia

Uno dei settori che più ha risentito del letargo forzato, dovuto al lockdown, è stato quello della cultura e dello spettacolo. I teatri, i cinema, le mostre e i musei, come anche i concerti, hanno subito un vero e proprio fermo da parte delle istituzioni. Il pericolo assembramenti ha riguardato questo mondo più di altri, perchè da sempre ambiente di condivisione sociale.
In questi giorni però, anche questo ambito è tornato a respirare, grazie alle riaperture disposte dal Governo a partire dal 18 maggio, per mostre e musei.
Se alcuni di questi hanno già visto la luce, altri dovranno attendere ancora qualche giorno, in quanto non è semplice ottemperare rapidamente alle prescrizioni di sicurezza negli accessi, nella sanificazione, nelle distanze all'interno delle sale.
Numerosi gli esempi di eventi che stanno annunciando la loro rinascita. Tra gli altri, a Palazzo Sturm di Bassano del Grappa, la mostra su Piranesi dovrebbe ripartire il 20 giugno. Ad Urbino, invece, la mostra "Baldassare Castiglione e Raffaello. Volti e momenti della vita di corte" non potrà aprire prima del 16 luglio, con uno slittamento di un mese, per la difficoltà di far viaggiare i capolavori concessi da musei di altri paesi.
Si è deciso di posticipare a metà settembre anche "Chagall", a Palazzo Roverella a Rovigo, che inizialmente era prevista nella stagione primaverile. Ma tante altre sono le mostre che meritano attenzione in questo anno.
Come è evidente, sono molteplici i problemi che gli eventi culturali stanno riscontrando, ma gli organizzatori non si lasciano scoraggiare.
Si spera, in ogni caso, che tutte queste interessanti iniziative trovino un buon riscontro nel pubblico, che riesca a vedere nuovamente la cultura come un bene primario. "Riempire", rispettando la legge, questi luoghi sarebbe un segno della vita che riprende dopo un periodo triste per il nostro Paese.
Bisogna, infine, sottolineare che tutte le date ipotizzate potrebbero essere ricalendarizzate in base all'andamento della pandemia.
Prima di visitare una mostra, è sempre bene controllare i siti delle singole iniziative e dei musei così da conoscerne date e orari aggiornati, oltre che le norme di comportamento e distanziamento sociale.

Silvia Cannistrà  19/05/2020

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM