Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

I was Looking at the Ceiling and Then I Saw the Sky il “song play” di John Adams al Teatro Costanzi di Roma

In scena al Teatro dell’Opera e diretta su Radiotre ore 20

Domani in prima italiana al Teatro Costanzi
I was Looking at the Ceiling and Then I Saw the Sky
il “song play” di John Adams

Giorgio Barberio Corsetti firma la regia – Debutto italiano per il Maestro Alexander Briger

Il sipario del Teatro Costanzi si alzerà, dopo la pausa estiva, domani venerdì 11 settembre ore 20 (e in diretta su Radiotre) su una prima italiana: I was Looking at the Ceiling and Then I Saw the Sky (Stavo guardando il soffitto e all’improvviso ho visto il cielo), “song play” in due atti di John Adams (compositore cui è stato assegnato il Premio Pulitzer 2003) su libretto di June Jordan. L’Ensemble (tre tastiere, chitarra e basso elettrico, sax, clarinetto e batteria), composto da elementi dell’Orchestra del Teatro dell’Opera, sarà diretto dal Maestro australiano Alexander Briger, al debutto italiano; la regia è di Giorgio Barberio Corsetti.
Uno spettacolo di raffinata originalità grazie all’incontro tra il «minimalismo» di John Adams (autore tra l’altro di Nixon in China e La morte di Klinghoffer. Si veda www.earbox.com) e il teatro di ricerca di Giorgio Barberio Corsetti, una brillante messa in scena che ha riscosso un grande successo al debutto al Théâtre du Châtelet di Parigi, nel 2013, e che “France Culture” ha descritto come “una sorta di commedia musicale che abbraccia molteplici stili con virtuosità, principalmente il rock, e passando per il jazz e il blues”.
“I was Looking at the Ceiling and Then I Saw the Sky – spiega il compositore Adams – è la frase pronunciata da uno dei sopravvissuti al terremoto di Northridge del 1994, una catastrofe che ha devastato un’ampia parte del nord di Los Angeles. La lesse il librettista June Jordan sul ‘Los Angeles Times’ e mi offrì il titolo perfetto per quello che volevo fosse uno spettacolo stile Broadway.” E’ l’intensa e commovente storia di sette giovani ventenni di Los Angeles, diversi per etnia ed estrazione sociale, le cui vite cambieranno profondamente all’indomani del devastante terremoto.
Interpreti di questa storia d’amore “polifonica” nello stile della commedia shakespeariana, saranno Daniel Keeling (Dewain), Jeanine De Bique (Consuelo), Joël O’Cangha (David), Janinah Burnett (Leila), Grant Doyle (Mike), Patrick Jeremy (Rick), Wallis Giunta (Tiffany). Massimo Troncanetti firma le scene con il regista, costumi di Francesco Esposito, luci di Marco Giusti, sound designer Mark Grey, video di Igor Renzetti. Lorenzo Bruno e Alessandra Solimene animatori delle immagini. Allestimento del Théâtre du Châtelet di Parigi.
Dopo la “prima” di venerdì 11 settembre (ore 20), I was Looking at the Ceiling and Then I Saw the Sky verrà replicato sabato 12 (ore 18), domenica 13 (ore 16.30), martedì 15 (ore 20), mercoledì 16 (ore 20), giovedì 17 (ore 20).

Consultare anche https://www.youtube.com/watch?v=59xOAp3kd4g per ascoltare un estratto di sette minuti dell’opera.

A.S.

10/09/2015

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM