Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

"Diario Elettorale": all'Altrove Teatro Studio lo spettacolo di e con Mario Migliucci

Continua la stagione di prosa dell’Altrove Teatro Studio con lo spettacolo Diario Elettorale, scritto, diretto e interpretato da Mario Migliucci, con la musica di Giulia Anita Bari, in scena sabato 14 dicembre alle 20 con replica pomeridiana domenica 15 dicembre alle 17.

Un incontro al seggio, due giovani scrutatori al servizio della democrazia, Lei e lui, ore e ore dietro a un banco, scambiandosi giusto qualche parola. Poi tutto finisce, in attesa della prossima occasione: un referendum, le comunali, le politiche, le europee, un ballottaggio, le regionali, ogni urna potrebbe essere quella buona per rivedere Lei. In mezzo scorre la vita, scritta, raccontata, immaginata. Nel mondo, fuori dal mondo. Legati da un filo invisibile, lanciato da lui senza che Lei, l’eletta, nemmeno lo sappia.

Il primo voto non si scorda mai? La matita temperata, le schede da non sovrapporre ma da ripiegare meticolosamente, la segreta intimità della cabina: il voto è come un rituale antico, del quale il silenzioso scrutatore è un sommesso officiante. Ma non sono il senso civico o le appartenenze politiche: c’è qualcosa di più forte, che spinge ogni volta lo scrutatore a recarsi al seggio. È l’amore: la speranza di poter ritrovare un giorno la bella scrutatrice Donatella, incontrata durante una consultazione elettorale e mai più rivista. Il nostro scrutatore nel tempo, ha fatto di lei un’amica immaginaria e un amore ideale. «Chi finge l’amore, crea l’amore». Se questo vale anche per la democrazia, forse non è così importante sapere se possa realizzarsi veramente: ciò che conta davvero è non farne un alibi di inerzia, ma un ideale stimolo ad agire, a creare.Diario Elettorale

NOTE DI REGIA

Ė stato un percorso a più fasi a dare forma a Diario Elettorale. La prima tappa risale alla stesura quotidiana di un diario in forma epistolare, con destinataria una ragazza conosciuta durante le operazioni di voto nelle vesti di scrutatore. Una ragazza mai più vista e sentita. In un secondo momento quindi la decisione di rileggere quanto scritto anni prima in chiave di una possibile evoluzione teatrale. Per riscattare l’interruzione di quella corrispondenza immaginaria, riaffermare il diritto all’illusione, raccontare di come siamo sempre qui, sospesi tra una chiamata alle urne e l’altra, tra ripiegamenti e slancio, tra fede e speranze. Che si tratti di una croce da apporre su una scheda elettorale o di una parola da rivolgere al mondo non è poi cosi differente, solo una visione di bellezza ci salverà. La coppia di scrutatori all’origine del racconto trova così agli occhi dello spettatore un suo doppio reale sulla scena con l’attore e la musicista. Come dietro al banco del seggio, ognuno al suo posto, ci si divide compiti e strumenti, al servizio di questa nostra storia.

Mario Migliucci

 

NOTE BIOGRAFICHE

MARIO MIGLIUCCI

Attore e autore. Debutta come attore in teatro nel 1998 in Il Giardino d’Infanzia di Riki di David Grossman, con la regia di Stefano Viali. Dal 2004 lavora con la Compagnia Locomoctavia in Giorno d’Estate di Slawomir Mrožek e  Hamlet. di W. Shakespeare, con la regia di Daniele Fior. Nel 2007 debutta  al Teatro dell’Orologio di Roma Doktoro Esperanto,  monologo da lui scritto e interpretato, da allora in scena anche nella versione in esperanto. Nel 2011 porta in scena per la prima volta Primo Sguardo, di cui è autore e interprete. Nel 2012 lavora all’adattamento teatrale del romanzo La ragazza e il professore di Jean-Claude Carrière, realizzando lo spettacolo Bussando alla porta di Einstein, regia di Giles Smith. Dal 2015 è in scena con il suo testo Diario Elettorale. Nel 2018 è attore per la compagnia Afrodita in Il bambino sogna di Hanoch Levin, regia di Cludia della Seta e Stefano Viali. Nel 2019  è in scena con I miei soldi, regia di Adriano Saleri, di cui realizza l’adattamento teatrale dal romanzo Mon chèque di Jean Claude Carrière.

GIULIA ANITA BARI

Violinista e operatrice umanitaria. Studia violino presso il Conservatorio di Musica di Venezia e Relazioni Internazionali all’Università di Padova e Firenze. Suona in diverse formazioni, spaziando dal mondo classico al folk. Attualmente è parte del progetto Canti Antichi della cantante albanese Elsa Lila e coordinatrice dei progetti sul campo di Terra!Onlus, tra cui l’Orchestra dei Braccianti.

 

Diario Elettorale

di e con Mario Migliucci

musica Giulia Anita Bari

disegno luci Dario Aggioli 

contributo alla realizzazione video Gianluca D’Apuzzo – Karma Gava

grafica Damiano Lo Russo

foto di scena Carolina Farina

Produzione Terre Vivaci

 

Per tutte le informazioni riguardanti la Stagione 2019/2020 dell’Altrove Teatro Studio è possibile visitare il sito www.altroveteatrostudio.it scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattare telefonicamente il 351/8700413.

Redazione 

9/12/2019

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM