Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

"Con la bocca piena di spille" all'Altrove Teatro Studio il percorso visionario di una donna verso la liberazione dalle proprie ossessioni

Continua la stagione di prosa dell’Altrove Teatro Studio con lo spettacolo “Con la bocca piena di spille”, scritto e musicato da Martina Tiberti, regia di Raffaele Balzano con Patrizia Ciabatta e Giuseppe Mortelliti, in scena venerdì 6 e sabato 7 dicembre alle 20 con replica finale pomeridiana domenica 8 dicembre alle 17.

Con la bocca piena di spille, racconta il percorso visionario di una giovane donna verso la liberazione dalle proprie ossessioni quotidiane. Attraverso le pagine di un diario, entriamo nella vita di Leda. In un crescendo di eventi surreali, la ragazza prende coscienza della mediocrità cui le sue giornate sono confinate.

Cosa rimane di noi stessi se ci priviamo del rapporto con gli oggetti che ci circondano e che importanza hanno questi nel definire chi siamo? Come si vive se viene meno l'aderenza con una mansione lavorativa che all'improvviso ci appare priva di senso? Cosa ne è stato dei nostri ricordi migliori? Quella di Leda è una disgregazione del sé che non cade mai nel vittimismo ma si spoglia con ironia di ogni figura che l’anima non riconosce come propria: in una danza liberatoria i vestiti le cadono di dosso, fino a che sullo specchio non resta che il riflesso di una figura femminile sul punto di dileguarsi e una storia da riscrivere.Locandina Con la bocca piena di spille

NOTE DI REGIA

Lo spettacolo si muove tra presente e passato. Il venditore ambulante ci racconta la storia di Leda attraverso le parole di un diario ritrovato tra gli oggetti che abbelliscono il suo “museo". Dalle parole del diario, Leda prende corpo sulla scena, e la sua vita, oltre che narrata, diventa vissuta. Se pur confinati in momenti e luoghi differenti, i due protagonisti avranno la possibilità di incontrarsi e regalare qualcosa l'uno all'altra.

Raffaele Balzano

NOTE BIOGRAFICHE

PATRIZIA CIABATTA 

Nata a Roma, si diploma all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”. Si è formata inoltre presso la Scuola Europea dell’attore “Prima del Teatro” e la Scuola Internazionale di Teatro “Auroville”. Ha frequentato stage con Luca Ronconi, Mario Ferrero, Lorenzo Salveti, Nikolaj Karpov, Stefan Gabor, Lucia Poli, Paolo Giuranna, Tullio Solenghi, Giuliana De Sio, Massimo Dapporto e Fioretta Mari. È stata diretta Armando Pugliese, Terry Paternoster, Luigi Saravo, Massimiliano Farau, Claudio Capecelatro, Giuseppe Bevilacqua, Gianluca Enria, Carlo Lizzani, Marco Maltauro. Attualmente fa parte del collettivo Internoenki. Ha fatto esperienze di teatro per ragazzi, canto, danza, acrobatica, acrobatica aerea, scherma e combattimento scenico. È attiva anche come insegnante di teatro ragazzi.

GIUSEPPE MORTELLITI

Nato a Messina, diplomato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”, nel 2009 mette in scena dall'opera dell'avanguardista russo Daniil Charms, Il foglio brutto degli appunti belli. Nel 2010 è protagonista al Teatro Litta de La vita in un giorno, regia di Giovanni Scacchetti. Nel 2014 è co-protagonista del docu-film I ragazzi di Pippo Fava. Il suo spettacolo 84 Gradini vince il premio Special Off al Roma Fringe Festival 2014 e partecipa al San Diego International Fringe Festival 2015 vincendo l'Outstanding Solo Performance Award.

MARTINA TIBERTI

Martina Tiberti è nata a Roma nel 1985. É autrice teatrale e musicista. Dal 2014 fa parte della compagnia teatrale Un rigo sì e rigo no. Dal 2015 ad oggi ha scritto e messo in scena tre drammaturgie: Con la bocca piena di spille, Tape#51: Kerouac in scena, Le coup (Il suolo ti farà vacillare). Con la bocca piena di spille è stato selezionato alla rassegna “Exit, Emergenze Teatrali” del Teatro dell’Orologio di Roma (2017) ed è attualmente alla sua quinta replica. Nel 2020 sarà in scena con due nuove drammaturgie: È ita e Guardavamo gli altri ballare il tango, una riscrittura dell'omonimo libro di racconti della scrittrice Giulia Caminito. In ambito musicale, come bassista e contrabbassista, ha diviso il palco con artisti italiani come Perturbazione, Offlaga Disco Pax, Riccardo Sinigallia e Giorgio Canali e ha collaborato con artisti internazionali come Matt Elliott (UK).

RAFFAELE BALZANO

Nato a Vico Ecquense in provincia di Napoli, dopo essersi laureato nel 2004 al DAMS di Roma Tre, nel 2007 si diploma in recitazione alla Link Academy di Roma, dove ottiene anche il Grade 8 della LAMDA (London Academy of Music and Dramatic Art) in Verse & Prose e Acting. Nel 2008, vince una borsa di studio Progetto Musa per giovani artisti della regione Lazio, quindi si trasferisce per dieci settimane a Cork (Irlanda). Attivo in Italia e all’estero, lavora con diversi registi e attori, partecipando anche a numerosi festival fra i quali il Napoli Teatro Festival e il Camden Fringe Festival di Londra. Va in scena in prestigiosi teatri come il Piccolo di Milano, l’Arena del Sole di Bologna, il Teatro Mercadante di Napoli, il Teatro Stabile di Bolzano e il Teatro del Lido di Ostia. Nel 2014, fonda la compagnia teatrale Un rigo si e un rigo no con cui scrive, dirige e interpreta numerosi spettacoli.  Dal 2012 è organizzatore, membro del comitato artistico e responsabile al Roma Fringe Festival. Dal 2014 fa parte del Directors Program dello Young Vic di Londra.

Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito www.altroveteatrostudio.it, scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. contattare il 351/8700413.

 

BIGLIETTI Intero 15 euro – Ridotto 10 euro – Tessera 2 euro

Redazione

29/11/2019

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM