Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Anarchy in The U Kitchen: quando la cucina intreccia le arti, dal 30 maggio sui social del Teatro Villa Pamphilj

La cucina è diventata negli ultimi anni una vera e propria forma d'arte, corteggiata soprattutto dalla televisione e una vera gioia per gli occhi degli appassionati di tutte le età. Non si può essere esenti dal fascino di fortunati programmi televisivi come Masterchef, che hanno, negli anni, avvicinato molti giovani al mondo della cucina. Protagonisti sono chef più o meno preparati che di volta in volta si sfidano nello sfornare la ricetta più saporita e fantasiosa in grado di stuzzicare piacevolmente i palati di una giuria questa si, composta da professionisti di fama riconosciuta. Almeno fino ad oggi, siamo stati abituati a questo format, seppur con qualche variazione nel tema.

Ma cosa nasce quando, nella già fortunata e collaudata equazione, inserisci un'attrice, un attore, la poesia di un mostro sacro, libri, avanguardie, un basso elettrico, una tromba, una chitarra, un piano, pietre miliari del cinema, ricordi personali e il piatto in cui cimentarsi è… una frittata cucinata per l’occasione. Il tutto, badate bene, portato non in televisione, ma a teatro?

E' questa l'idea nata dalla mente dell'artista poliedrica Anna Maria Piccoli che, con la collaborazione di Carlo Amato il quale farcisce il tutto con ingredienti musicali di qualità, ha ideato lo spettacolo teatrale “Anarchy in the U Kitchen”titolo che richiama il famoso brano “Anarchy in the U.K.” dei Sex Pistols e il passato da trasgressiva bassista punk della Piccoli che, rigorosamente in cucina, miscelerà il tutto per sei puntate, accompagnata da attori e musicisti, assieme a pasta, uovo, olio, cipolle e una gran dose dell'ingrediente più importante, la fantasia. Non è facile infatti cavarsela in cucina con pochi soldi ed un frigo vuoto, ma con una padella vecchia, e pochi, poveri ingredienti, anche in un tinello minimalista si può cucinare una frittata di tutto rispetto, un piatto che da sempre è molto economico e conviviale, facile anche da spartire. La serie, che si compone di sei spettacoli tutti differenti, nei cui titoli s'incrociano tipici ingredienti culinari rafforzati con ingredienti letterari e musicali, ha trovato terreno fertile nelle iniziative social del Teatro Villa Pamphilj nel palinsesto #IncursioniArtisticheDiMutualità.

La prima diretta è prevista sabato 30 maggio alle ore 15.00 sui canali social del Teatro Villa Pamphilj per la prima puntata, “Frittata di bucatini al profumo di Limoni di Montale su un letto di basso a sei corde”.

Alessandro Perri  26/05/2020

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM