Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

La stagione dell'Altrove Teatro Studio si chiude con "La stanza delle piume viola"

Torna la prosa a chiudere la stagione 2018/2019 dell’Altrove Teatro Studio. Da venerdì 5 a domenica 7 aprile sarà in scena La stanza delle piume viola di Edoardo Bonini, Andrea De Rosa e Nicola Papagno con Andrea De Rosa e Patrizia Ciabatta regia di Ottavia Bianchi.IMG 20190319 WA0001

Una strana camera di hotel. Una donna in fuga. Un uomo misterioso le apre la porta e si offre di ospitarla per la notte. È armato e sembra avere strani poteri paranormali. Lei non sa che lui la stava aspettando, che conosce tutto della sua vita e che quell’incontro cambierà per sempre gli equilibri della sua esistenza. Una favola nera dai marcati accenti pulp, che strizza l’occhio all’universo del fumetto e del thriller in stile rock. Ora resta la domanda: chi è questo sconosciuto che vuole aiutarla? E perché?

NOTE DI REGIA

Il testo è molto cinematografico, a forti tinte, così come lo è la caratterizzazione della ragazza problematica e incinta e quella del suo angelo custode che invece di avere le ali e l’aureola ha una pistola da giustiziere e poteri paranormali. Non ho potuto non assecondare lo stile della scrittura che sfrutta i temi cari agli eroi a fumetti nel linguaggio di Nemamiah, l’angelo sterminatore, e contiene i tratti pulp e surreali del thriller nella trama e nella raffigurazione quasi stereotipata di Eva, la ragazza in fuga. Ne è nato una specie di Noir nostrano, una favola nera e moderna piena di archetipi contemporanei: la ragazza provata dalla droga e dagli eccessi, l’uomo nero che la rincorre e l’eroe che la salva dai suoi incubi. Il testo prevedeva anche un’invasione di campo che di solito non amo: gli inserti video. Tuttavia la cifra stilistica del racconto li esigeva: così la scena diventa il luogo sospeso tra la dimensione del reale di Eva e quella ultraterrena di Nemamiah, con il video che fa da punto di contatto, da anello di congiunzione tra la realtà oscura e torbida della ragazza e il suo lato oscuro, tra l’umano e il divino. Il mezzo cinematografico si rende necessario anche quando a sorpresa l’angelo rivelerà una natura assolutamente umana in un finale insolito.

Per tutte le informazioni riguardanti la Stagione 2018/2019 dell’Altrove Teatro Studio è possibile scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattare telefonicamente il 339 8175904.

U.s.
27/03/2019

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#musica @danielecelona in #abissitascabili: un album/fumetto per i supereroi del nuovo millennio Giorgia Groccia https://t.co/FRbaVw7KVO

Digital COM