Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 676

Trasformare i difetti in virtù: il secondo album in studio de La Municipàl è un elogio all’imperfezione, estetica e interiore, che ci rende autentici, personali (e forse anche migliori). A chi di fronte a uno specchio non è mai capitato di fissare in continuazione una smagliatura, una cicatrice o una voglia? O proprio un neo uguale al particolare sul viso della ragazza dai capelli ramati in copertina del disco Bellissimi difetti, uscito lo scorso 29Bellissimi_difetti_La_Municipàl_cover marzo per l’etichetta indipendente iCompany, a tre anni di distanza dall’esordio con il primo LP ‘Le nostre guerre perdute’ (2016). «I difetti non sono dèmoni, bensì peculiarità che ci contraddistinguono dall’altro in una società assuefatta all’omologazione di massa», ha dichiarato Isabella Tundo, musicista e cantante insieme al fratello Carmine (chitarra e tastiere nel disco, da lui scritto e prodotto), nell’intervista per Rai Radio2 che ha preceduto l’esibizione del duo pugliese sul palco di Piazza San Giovanni a Roma lo scorso Primo Maggio. Palco che ha battezzato nel 2018 la gavetta inaugurale della band salentina (e il suo séguito sulle piattaforme di streaming), vincitrice del premio 1M NEXT, il contest per gruppi emergenti organizzato ogni anno dal Concertone, oltre che il premio Siae, Nuovo Imaie e il Premio L’AltopArlAnte. E palco che segna dopo diversi mesi, nonostante le sfortunate peripezie vissute (furto della strumentazione e riarrangiamento dei pezzi con le pedaliere prese in prestito ai ragazzi de La rappresentante di Lista, insieme a loro tra le realtà più interessanti dell’itpop attuale), la presa di coscienza di una sopraggiunta maturità artistica. Il nuovo disco è una prova di scrittura consapevole (lontana dall’epoca in cui cantavano ‘Valentina Nappi’): un pop d’autore introspettivo, turbolento, passionale che restituisce in dodici tracce (tredici con ‘Iole’, bonus track nella versione cd) una visione romantica del presente, un’istantanea (o ‘Italian polaroid’) senza filtri né finzioni di una storia vera, un percorso verso l’accettazione di se stessi, che è al contempo esaltazione di pregi e delle proprie intimissime vulnerabilità.

Bellissimi difetti, anticipato nel corso del 2018 dai singoli dell’Ep B-Side quali l’ironica ‘I mondiali del ‘18’ e ‘Mercurio cromo’, è uno screening identitario che si situa per ambedue gli artisti – figli un ex comandante della polizia municipale (a cui si deve l’omaggio nel nome) – alla soglia dei trent’anni, nella terra di confine tra la migliore gioventù e l’ingresso nell’età adulta, tra lo spaesamento di chi ritorna in provincia dopo aver vissuto in metropoli (che è la storia autobiografica di Isabella, trasferitasi da Galatina a Roma, e poi di nuovo in periferia) e chi gira l’Italia in cerca di nuovi stimoli creativi (Carmine, impegnato come solista in molti altri progetti musicali, che hanno coinvolto i nomi di Caterina Caselli, Malika Ayane e Samuel dei Subsonica): un patchwork di opposizioni binarie, contraddizioni e ossimori si riversa nelle sonorità elettriche, costruite su un leitmotiv di synth e caratterizzate da una ricercata sperimentazione (molto più vicina all’attitude del gruppo nei live), e per cui gli è valso l’appellativo di ‘Baustelle del Sud’. Specialmente per certe ballad più retrò e sensuali, come ‘Le vele’ – che ricorda anche nel testo Le rane cantate da Francesco Bianconi – o i cori di ‘Noi due sulla luna’, brano strumentale ricercatissimo tratto dalle interferenze di una conversazione di due astronauti coinvolti nella missione Apollo 10 nel ’69, e ‘Vecchie dogane’, dove il maschile e il femminile delle voci s’intreccia in unico fiato.

Si può fare pace una volta per tutte con la propria immagine? È da questo interrogativo inesauribile che prendono forma le atmosfere malinconiche evocate: silenzi e abissi infernali, paturnie del pomeriggio e solitudini della sera (da annegare “in qualche goccia nel bicchiere”, in una vasca o tra le lacrime), ansie e crisi di panico costellate da vibe rock in brani come ‘Major Tom’, con le dovute suggestioni del caso sul ritornello della Space Oddity di Bowie; o le angosce addolcite dall’ukulele in ‘I tuoi bellissimi difetti’, che ammicca di nuovo ai Baustelle sulla frase “la guerra è finita già da un po’”, ma dove risiede il cuore pulsante del disco e la più grande dichiarazione d’amore contenuta al suo interno (“le tue smagliature le userò come le trincee per fuggire dai nazisti, e un po’ da me”).

Insomma, un disco a metà tra l’itpop e il retaggio cantautoriale (evidente nella citazione a Una giornata uggiosa di Lucio Battisti della più incalzante ‘Punk Ipa’, o nell’interpretazione de ‘La canzone di Marinella’ nel disco-tributo dello scenario indie a De André, Faber Nostrum) che si fa specchio di fragilità, di pensieri per amori perduti, di vortici e turbamenti d’animo, di vicende quotidiane dense di rimandi politico-sociali – precarietà, assenza di ideali, disoccupazione e crisi migratorie – in alcuni brani più impegnati. Tra questi, ‘Finirà tutto quanto’ e ‘Il funerale di Ivan’ appaiono letture critiche di “un’Italia già sepolta da infame”, condannata all’ateismo “di una sinistra che si è persa” verso un Dio che “comunque non ci vede”, impegnato com’è “a organizzarci le guerre”, dalla nostalgia per la lotta proletaria sino agli echi crepuscolari che si riconoscono verso la fine, incamminandosi nei vicoli bui de ‘Le scogliere’.  

”E io sento che sto bene solo quando sto più male…”: potrebbe essere un nuovo slogan generazionale, di chi vuole nella musica trovare riscontro del proprio bisogno inconscio di soffrire. E, invece, le melodie orecchiabili e catchy dei La Municipàl, spaziando nei testi dalla narrazione spensierata all’introspezione profonda, invitano l’ascoltatore a mettersi a nudo, a disinfettare le ferite dentro, demolire gabbie mentali, colmare i vuoti di un altro che manca e riconciliarsi con se stessi, se è vero che – scrisse un loro grande idolo, Leonard Cohen“c’è una crepa in ogni cosa. È da lì che entra la luce”. Da tenere d’occhio le prime date appena annunciate per il loro tour estivo.

Sabrina Sabatino 23-05-2019

Lunedì, 26 Marzo 2018 09:54

"Touché", l'indie rock secondo Mèsa

L’entità protagonista dell’album è toccata, colpita. Da cosa? Da un amore, dalla piega che ogni giornata prende, dalla vita. Mèsa è il nome d’arte di Federica Messa, cantautrice romana nata nel 1991. “Touché” è il suo primo album prodotto da Bomba Dischi.
«Ogni canzone è una stanza, un posto dove succede qualcosa di irripetibile: la verità». Questo è il motto di Mèsa, che vede la canzone come occasione per mostrare un punto di vista sincero del mondo, per esternare emozioni, per disegnare con parole e musica su una tela immaginaria. “Touché” è un’opera che esprime freschezza e leggerezza; a cantare è una voce dal timbro pulito ma che, come la poesia, si prende le proprie libertà e non si inserisce sempre perfettamente al contrappunto musicale. Il genere può collocarsi nell’ambito di quello che definiamo indie rock italiano, con qualche influenza dall’universo del jazz e l’elemento affascinante di sonorità dal gusto vintage come risultante di una registrazione volutamente sporca, ovattata, come quella dei nastri magnetici. A livello vocale ed estetico, Mèsa ricorda personaggi di spicco nel panorama musicale italiano contemporaneo come Levante, o figure più rock più navigate ma di grande successo come Paola Turci e Cristina Donà. Le sue parole raccontano vicende tipiche dell’indie: storie di ordinaria quotidianità presentate dal punto di vista di una ragazza che vede avvicinarsi “la fine dei vent’anni”, per citare il più noto collega Motta, e che non esita a rendere poeticamente interessante la propria vita. Tra dolcezza e grinta, Mèsa è portatrice di una femminilità che sprigiona energia tramite uno stile forse già sentito ma vestito di nuovo.

Le sue canzoni aprono le porte di un intero mondo. La ricchezza è soprattutto nella scrittura: tra i versi dei brani si leggono immagini di vita accompagnate, come in un film, da una colonna sonora che si ascolta volentieri e senza troppo impegno, leggendo un libro, viaggiando, passeggiando tra i vicoli della propria città.
L’album è composto da undici canzoni, e uno degli aspetti principali e ricorrenti dei testi è l’adozione un po’ mitica e bucolica di una natura che si pregna dell’essenza umana, di qualcuno che manca: «facciamo lunghe passeggiate sul lungomare del tuo silenzio come se il vento nei capelli fossi tu» (“Non me lo ricordavo”), «per ogni volta che l’ultima volta un nuovo cielo mi grida ti amo» (“La colpa"), «spostare i pianeti con la forza del pensiero» ("Un esercito orizzontale"), e lo stesso titolo “Oceanoletto”. Ogni canzone presenta caratteristiche proprie a livello musicale e ritmico ma lo stile omogeneo e il linguaggio quotidiano e metaforico, ricco di immagini ricorrenti, fanno di “Touché” un discorso continuo e coerente. Come Mèsa recita in “Il mare tra il dire e il fare”: «non smetterà questa voglia che resta come un ritornello nella mia testa, non smetterà questa voglia che resta se non sbatto la testa un po’ più forte domani…».

Benedetta Colasanti 26/03/2018

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM