Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Milano: al Teatro Manzoni prima e unica data italiana per il leggendario re del jazz David Amram

Mar 01

Per il penultimo appuntamento con il ciclo “Aperitivo in concerto” il Teatro Manzoni ci riserva un grande regalo, il David Amram Quintet nella prima e unica data italiana. Compositore, cornista, pianista e figura di spicco in tutta la vita concertistica americana, David Amram Quintet si è sempre diviso fra musica accademica e improvvisazione jazzistica disinibita. David Amram ha collaborato con musicisti, cantnati attori, registi premi Oscar: Dizzy Gillespie, Lionel Hampton, Willie Nelson, Langston Hughes, Charles Mingus, Pepper Adams, Leonard Bernstein, Arthur Miller, Arturo Sandoval, Stan Getz, Pete Seeger, Elia Kazan, Christopher Plummer, Ingrid Bergman e tanti altri. Per la prima volta a Milano, questo artista straordinario alla veneranda età di 85 anni, ha fatto la Storia della musica, e per l’occasione si presenta a capo di un quintetto di cui fa parte anche il celebre sassofonista Jerry Dodgion, artista che ha fatto parte di formazioni orchestrali come la Thad Jones-Mel Lewis Big Band, la Count Basie Orchestra, la Gerald Wilson Orchestra e che ha collaborato con artisti quali Oliver Nelson, Duke Pearson, Chico O'Farrill, Lalo Schifrin, Yusef Lateef, Benny Carter, Red Norvo, Frank Sinatra, Tadd Dameron, Herbie Hancock, Charlie Mariano. Compositore accademico di alto profilo, è il primo “composer-in-residence” della New York Philharmonic Orchestra e, antesignano delle commistioni fra jazz e mondo afro-caraibico. Classe 1930 a Philadelphia, s’innamora sin da giovanissimo della musica accademica, ascoltando un’interpretazione di Pierino e il lupo di Prokof’ev, e da quel momento il corno francese diventerà il suo più importante strumento. Un piccolo talento che a tredici anni completa la sua prima sinfonia, un lavoro profondamente influenzato dalla musica di Gershwin.
Sintetizzare in poche parole l’avventura musicale ed esperienza umana di David Amram sarebbe riduttivo. Basti dire che è stato compositore e autore di musiche da film come “Splendore nell’erba”del ’61 e “The Manchurian Candidate” del ’62 e di scena, le sue collaborazioni con grandi del cinema e del teatro come Elia Kazan, John Frankenheimer o Arthur Miller. Una carriera ed una vita incredibili che molti di noi avrebbero voluto vivere. Un’emozione sentirlo e vederlo maneggiare i diversi strumenti musicali in un concerto, quello al Manzoni, che crediamo rimarrà storico. Clima famigliare e da amanti del jazz quello dell’aperitivo domenicale in concerto al Teatro Manzoni. Per l’occasione si è registrato un vero sold out. Esperienza emozionale forte ed unica.

David Amram Quintet
pianoforte, flauti, corno francese, percussioniDavid Amram
sassofono contralto, flautoJerry Dodgion
contrabbassoRene Hart
batteria, glockenspielKevin Twigg
percussioniAdam Amram

Adele Labbate 01/03/2016

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM