Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 620

Musica

James Senese e i Napoli Centrale abbracciano Giovinazzo
Figlio della guerra, nato da un soldato afroamericano e una donna napoletana, James Senese incarna paradossalmente l'antitesi del conflitto, simbolo della convivenza di molteplici culture e stili musicali. Con la sua storica band, i Napoli Centrale, la sera del 2 agosto Senese ha chiuso splendidamente la sedicesima edizione del Giovinazzo Rock Festival, tra jazz, fusion e canzone napoletana.Nella tradizionale location del Festival, l'Area Mercatale di Giovinazzo (Bari), il sassofonista italo-afroamericano ha offerto uno spettacolo estemporaneo, ricco di tributi all'amico da poco scomparso, Pino Daniele, che ha imbracciato il basso dei Napoli Centrale per diversi anni. Il sound del gruppo, ispirato…
14° edizione del Coccaro Jazz Festival in programma per il mese di agosto
Giunto alla 14° edizione, il Coccaro Jazz Festival va in scena nell'esclusivo Coccaro Beach Club di Monopoli, offrendo agli appassionati tre serate di buona musica con la presenza di grandi nomi della musica italiana. La manifestazione è diventata negli anni un'etichetta di comprovata qualità artistica in un'atmosfera intima e raffinata. Il primo appuntamento (5 luglio) è stato con un live con un'orchestra di 18 elementi e Serena Brancale, che ha presentato il suo album d'esordio “Galleggiare” prodotto da Michele Torpedine, già produttore di Zucchero, Giorgia, Bocelli e de Il Volo, e distribuito dalla Warner Music Italy. Sul palco Serene Brancale…
Giorgio Moroder a Villa Ada: uno spettacolo coinvolgente e senza tempo
Giorgio Moroder, chi lo conosce sa cosa aspettarsi, ma il meglio è senz'altro per chi deve ancora scoprirlo. Questo signore di 75 anni si presenta alla nutrita schiera di fan di Villa Ada, lo scorso 24 luglio, in camicia scura e grandi cuffie. Dietro le sue spalle si muovono immagini psichedeliche, scene di film di cui ha curato la colonna sonora, mentre lui batte le mani, a volte stoppa la musica per controllare se “siamo attenti” e ricordiamo le parole. Le muove in su e in giù quelle mani, poi le fa scivolare veloci sul Mac dal quale tira fuori…
Cristiano De Andrè a Villa Ada con “Acustica Tour”: Nel nome del padre e...del figlio
Prossime date:2 agosto al Teatro Romano di Aosta13 agosto in duo acustico allíAnfiteatro Comunale di Aglientu (OT)23 agosto alla Spianata della Basilica di Assisi (PG)28 agosto in duo acustico in Piazza Giubileo a Budoni (OT)29 agosto in duo acustico e con i Tarantaproject a Frosinone “Tu camminavi nell’inquietudine e la mia incudine era un cognome inesorabile un deserto di incomunicabilità”.E allora proviamo subito a liberarci di quell’incudine che finirebbe per offuscare la lucidità di scindere padre e figlio: Cristiano De Andrè, sarà per la voce profonda e fascinosa temprata dalla nicotina, sarà per il ciuffo che scende a coprire parte…
Giuseppe Peveri (Dente) e le sue "favole per bambini molto stanchi"
Un bambino, in mezzo al pubblico, alza la mano e chiede: “Come mai hai scritto anche le favole senza senso?”La presentazione del libro con Dente, il 18 sera alla Cava di Roselle (Grosseto), ha coinvolto una platea di tutte le età, e questo non è stato l’unico intervento da parte dei più piccoli. Il cantautore, deciso, ha risposto: “perché non tutte le cose hanno un senso”.Come dargli torto davanti alle sue creazioni. Che comunque un senso/fine lo hanno anche le favole nella sezione di quelle dichiaratamente “senza senso”: dal divertire, al far riflettere, fino al creare convivialità o anche solo…
Chitarre, violini e tamburi: le “Corde” vibranti di Mannarino all’Auditorium Parco della Musica di Roma
Si è appena conclusa la tappa romana del nuovo tour di Alessandro Mannarino, “Corde 2015”. Protagonisti indiscussi, nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica gremitissima, gli strumenti a corda, capaci, secondo il cantante, di rappresentare la mimesi perfetta del corpo umano: le vibrazioni dei legni traducono l’emozione palpitante dell’anima, possono urlare e sussurrare, sono sensibili al caldo e al freddo.E Mannarino si circonda di corde meravigliose, dal delicato violino di Lavinia Mancusi, musa elegante che sovrasta il palco dall’alto, accompagnando il cantante con la sua voce raffinata, alle chitarre frizzanti di Tony Canto e Alessandro Chimenti, che insieme al contrabasso di…
Tra le pieghe del jazz: Bobby McFerrin e Ravi Coltrane nella prima serata di Pescara Jazz
Bobby McFerrin non ha nessuna scaletta, né una partitura, ma la compone lui dal vivo con la sua voce. Sale sul palco si siede e con un’estrema calma e delicatezza inizia a cantare come lui solo sa fare.Così comincia Pescara Jazz, che quest’anno insieme al Festival del nuovo circo, Funambolika, fa parte del Pescara International Arts Festival, che nella serata inaugurale, il 10 luglio, aveva già visto sul palco un mito della musica, Burt Bacharach.Il Festival vanta una grande storia alle spalle (la prima edizione infatti risale al lontano 1969) e ieri sera la manifestazione e il pubblico pescarese hanno…
Pagina 47 di 52

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM