Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Torna a Bologna “Il Cinema Ritrovato”: 427 titoli in 8 giorni per vivere la settima arte

Un tuffo nella magia che la macchina da presa ritrae, un percorso che comincia dal 1895 per giungere ai formati digitali. Una retrospettiva approfondita e fedele che ha l’obiettivo non solo di mostrare il film, ma anche quello di evidenziarne la sua forza, la sua vera estetica, così come concepita dall’autore. Questo è l’ideale alla base del lavoro della Cineteca di Bologna e del festival “Il Cinema Ritrovato” che quest’anno alla sua ventinovesima edizione, propone una mostra di 427 film in 8 giorni.

cinema ritrovato 2015Il festival prenderà avvio sabato 27 giugno con la programmazione in Piazzetta Pier Paolo Pasolini del film “Le mani pulite” di Aki Kaurismäki, tratto dalla pièce teatrale di Jean-Paul Sartre. L’occasione sarà un modo per omaggiare Peter von Bagh, amico e studioso di Kaurismäki e direttore artistico del Cinema Ritrovato dal 2001 fino alla sua scomparsa, avvenuta lo scorso settembre. Gli eventi proseguiranno con un viaggio nello spazio e nel tempo, che ci condurrà all’alba della Storia raccontata da una cinepresa (con le immagini inedite dei profughi armeni dopo il Genocidio) o al di là del Tempo (con la rarissima copia originale in 70mm di 2001 Odissea nello spazio). Ci racconteranno poi, in occasione del centenario della loro nascita, due immense figure, Orson Welles e Ingrid Bergman, quest’ultima ricordata dalla figlia Isabella Rossellini, che presenterà in Piazza Maggiore Casablanca, il film che rese immortale l’attrice svedese. Otto giorni di proiezioni, dal mattino alla sera in cinque diverse sale, che si concluderanno la sera in un luogo unico come Piazza Maggiore, dove è predisposta un’enorme sala cinematografica all’aperto: uno spazio cittadino dedicato alla cultura del cinema internazionale, allestito per l’intera estate.

L’intero programma è diviso in diverse sezioni (“Il paradiso dei cinefili”, “La macchina del tempo”, “La macchina dello Spazio”, “Il Cinema Ritrovato Kids and Young”) per lasciare liberi gli spettatori di indirizzarsi all’interno di una vastissima offerta di iniziative. Come ogni anno il fastival ricorda l’importanza del cinema, il lavoro approfondito della Cineteca, ma anche il forte legame che tiene strette la città felsinea e questa forma d’arte, che continua così a regalare emozioni sempre nuove e da riscoprire.

Silvia Mergiotti 26/06/2015

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM