Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

"Solo: A Star Wars Story": uno spin-off in cerca d'autore

Commentando i deludenti risultati al botteghino del nuovo spin-off di Star Wars ("Solo: A Star Wars Story" ha incassato soltanto 101 milioni di dollari in chiusura del weekend lungo del Memorial Day), Ron Howard ha dichiarato di sentirsi soddisfatto per aver battuto un record personale. Il riferimento è al suo Codice Da Vinci, che al weekend di esordio incassò 77 milioni di dollari. Il regista si dimostra così maestro Jedi di ottimismo; questo non basta a cancellare la sensazione che il prequel su Han Solo, uscito nei cinema italiani il 23 maggio, sia stato una scommessa persa

Dispiace, perché il cast si è impegnato al massimo per la buona riuscita del film. L’interpretazione che più convince è quella di Donald Glover, che ha saputo ricoprire con un velo di fascino scanzonato un Lando Carlissian più doppiogiochista e sleale che mai. Molto più ardua la sfida per Alden Ehrenreich, che qui avrebbe dovuto interpretare un giovanissimo Han Solo. Ehrenreich, tuttavia, non possiede il carisma cinico di Harrison Ford e la scrittura piatta del film trasforma quello che doveva essere un trafficante, tanto rapido con le parole quanto con la pistola, in una specie di eroe ribelle con un grande cuore. Solo 2

In realtà, questo Han Solo soffre di mancanza d’identità cronica, come tutto il prequel (che nelle intenzioni della Disney dovrebbe dare vita a una vera e propria trilogia a sé stante). Per le due ore e un quarto trascorse nella sala si ha l’impressione di guardare una storia che non ingrana mai, che non sa se essere dramma o commedia. Ci si trova davanti a una serie di episodi sparsi, giustapposti fra loro con l’intenzione di creare una piccola epopea, un’avventura in cui il contrabbandiere più ricercato della galassia non fa altro che raccogliere i pezzi, che dovrebbero fare di lui il personaggio che tutti conosciamo.

Ci sono, in ordine sparso, l’incontro con Chewbacca, la famigerata partita a carte con Lando per la proprietà del Millennium Falcon, le prove che dimostreranno la sua abilità come pilota, i suggerimenti che lo porteranno a incontrare Jabba the Hutt a Tattooine. Nel mezzo continui cambi di scenario, a volte immaginifici, ma che sanno sempre di già visto. Un attimo prima sembra di muoversi fra i sobborghi sporchi di una città caotica a-là Blade Runner; subito dopo si fa un salto nel passato, fra trincee da Prima Guerra Mondiale. E poi è la volta di un assalto al treno, in pieno clima da Far West, solo spostato fra montagne innevate. Solo 3

I personaggi originali, inventati apposta per quest’avventura, non aiutano a correggere il tiro di un film che, perlomeno, avrebbe potuto reggersi sulla forza degli interpreti. Woody Harrelson fa del suo meglio per offrire una versione ruvida e vissuta del trafficante Tobias Beckett. Emilia Clarke, invece, non riesce a risollevare dalla monotonia Qi’ra. Nata come puro love interest di Han, si rivela un personaggio incompleto, fatto di non detti che aspettavano di essere esplicitati negli episodi successivi di questa saga spin-off. Nel mezzo di questo potpourri di generi e suggestioni, qualche guizzo di emozione c’è, soprattutto nello spericolato e adrenalinico inseguimento all’interno di un gigantesco maelstrom spaziale.

E poi c’è quella nostalgia sottile, tutta riservata ai fan storici della saga, che balugina qua e là, soprattutto quando il profilo del Millennium Falcon si staglia nella notte cosmica o l’effetto anni Settanta del salto nell’iperspazio riempie lo scherma del cinema. Troppo poco per ricreare le atmosfere di una saga che ha fatto la storia. Troppo poco anche per emozionare un pubblico di neofiti che, in piena abbuffata da film supereroici, non troverebbero in questo film nemmeno l’adrenalina del blockbuster d’azione dal ritmo serrato. Con buona pace di Ron Howard.

Ilaria Vigorito 29/05/2018

Tagged under cinema    star wars    disney    fantascienza   

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM