Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 620

Rara copia d'epoca di "Profondo rosso" e omaggio a Christopher Lee per l'evento di apertura del Fantafestival

"Grande Dario!!" e tutte le teste riunite nella sala 2 del Multisala Barberini si guardano intorno per cercare l'entrata in scena del regista romano alla cerimonia d'apertura dell 35° Fantafestival.
Nella scalinata di lato eccolo, Dario Argento, che è venuto a presentare la proiezione della versione originale in 35 mm della pellicola "Profondo rosso", film che ha segnato il cambio di rotta della sua carriera, dal thriller all'horror: "Sono contento che vediate la copia originale..anche se non è perfetta e sarà rovinata, piena di graffi e tagli!"
Ma prima di godersi la rara copia d'epoca per il 40esimo anniversario di "Profondo rosso" è d'obbligo il video omaggio all'attore recentemente scomparso Christopher Lee, cinque volte ospite del Fantafestival. Una breve carellata dei tanti ruoli interpretati: dal Conte Dracula, al padre di Willy Wonka di Tim Burton, a Saruman e così via, fino all'interpretazione del cardinale Spinosi ne "L'avaro" al fianco di Alberto Sordi.
Lo stesso Dario Argento ricorda Lee definendolo "un grandissimo attore, fine ed elegante".
Prima della cerimonia d'apertura alle 18.00 l'anteprima del canadese "Suspension" e alle 18.30 la proiezione di "Lilith's Hell" primo titolo in concorso per il Pipistrello d'Oro per il Miglior titolo italiano. In sala presenti anche il regista Vincenzo Petrarolo e gli attori Ruggero Deodato, Joelle Rigolett, Marcus J. Cotterel, Federico Palmieri e Manuela Stanciu.
Al via anche il primo ciclo di proiezioni dei Fantacorti, appuntamento fisso delle 20.00, per tutte le giornate del festival, tranne giovedì 25 che inizieranno alle 16.00 per un Double feature che terminerà poco prima delle 20.00.
La serata si è conclusa con l'anteprima di "The Stranger", diretto da Guillermo Amoedo. Un thriller soprannaturale che racconta la triste storia di un uomo dal sangue infetto.
Ma che malattia può portare un uomo a esser duro a morire e a nutrirsi di animali? Guillermo Amoedo mette in scena una storia di vampiri dove però la dimensione animalesca del momento del pasto non viene quasi mai presentata. Non ci sono canini e occhi che cambiano colore. Seppure ci siano molti cadaveri è poco il sangue che si vede. I sentimenti e le emozioni, di un uomo normale che si sente il pericolo più grande per l'estinzione umana, sono il vero tema del film.
Girato quasi totalmente di notte "The Stranger" racconta l'ammenda del protagonista Martin (Cristobal Tapia Montt), il ritrovare la moglie abbandonata per poi mettere fine alla propria pericolosità per il genere umano. Ma il ritorno a casa ha una sorpresa: la donna che amava e che ha abbandonato ha avuto un figlio (Nicolás Durán), ed è lo stesso ragazzo che lo salva da un gruppo di balordi. L'epilogo alla "30 giorni di buio", con il sole che, da tanto tempo e per l'ultima volta, inonda Martin è il finale di un film che tolta la dimensione fantascientifica può rientrare pienamente nel drammatico.

Angela Parolin 23/06/2015

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM