Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

“Sqizo”: storia di un uomo dal linguaggio invisibile, su My Movies il documentario su Louis Wolfson

Un racconto diverso, inaspettato e singolare: questa è la storia di Sqizo, opera prima narrata dagli occhi di Duccio Fabbri.
Un documentario sulla doppia esistenza di Louis Wolfson, scrittore atipico per un vissuto da sempre in lotta con gli stereotipi. In giovane età viene diagnosticato schizofrenico, privato della possibilità di studiare e lavorare.
Dopo anni di trattamenti Wolfson rifiuta la psichiatria e il destino a lui imposto, così da autodidatta prende coscienza e familiarizza con le lingue.

L’agilità con le parole e la rilevanza dei suoi scritti trovano spazio nella Parigi degli anni ’70 e gli consentono di affermarsi come autore di successo. Ma lo scrittore negli Stati Uniti rimane una personalità ai margini della società, homeless e giocatore d’azzardo.
Una scelta coraggiosa, quella del regista nel dedicare il lungometraggio d’esordio a una figura tanto complessa. Wolfson ha ripudiato l’inglese, lingua madre, in favore di un idioma tutto suo, realizzando un equilibro personale ed escogitando una terapia ad hoc per aderire alla realtà attraverso l’uso speciale della parola.
Sqizo è una biografia per immagini che riporta fedelmente la rarità delle imprese di Wolfson, soggetto unico tra le sue particolarità e le infinite sfumature.
Il regista ha svelato l’universo avviluppato di quest’uomo trovando la modalità per entrare in contatto con lui, cercando di riconnetterlo con il resto del mondo. Un lavoro condotto in profondità che ha portato Fabbri sino a Porto Rico, luogo scelto dall’autore per vivere.
Un esperimento artistico all’ennesima potenza, un’opera nell’opera, un tassello ulteriore alla sua poetica che nella storia è parte attiva della creazione: Sqizo è stata un’opportunità per il suo protagonista di lavorare su se stesso, provando a riconciliarsi con l’uso della lingua madre e con la società circostante.
Un film come atto di fiducia rivelatosi un progetto audace, di comprensione e accoglimento verso una vita volontariamente invisibile, sospesa tra il detto e non detto. 

Una produzione FilmAffair Epsifilm in collaborazione con Rai Cinema, il MiBACT Les Films d’Ici; il documentario sarà presentato alla sedicesima edizione del Biografilm Festival, dal 5 giugno 2020, in concorso nella sezione Biografilm Italia.
Sqizo 
verrà trasmesso sulla piattaforma www.mymovies.it sabato 6 giugno dalle 21:00, disponibile per un numero limitato di spettatori. 

Arianna Sacchinelli  04.06.2020

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM