Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

“Si muore solo da vivi”, film d’esordio di Alberto Rizzi, arriva al cinema e on demand dal 19 giugno

Con Si muore solo da vivi Alberto Rizzi, regista e drammaturgo teatrale, firma il suo primo lungometraggio che sarà disponibile dal 19 giugno sulle piattaforme on demand e nei cinema che riapriranno. La pellicola concorre nella selezione ufficiale del Bari International Film Festival 2020, rimandato a data da definirsi a causa dell’emergenza COVID-19. La commedia romantica diretta da Rizzi ha per protagonista Orlando (Alessandro Roja), quarantenne pigro e disilluso che ha abbandonato la musica per ritirarsi in una baracca lungo il Po. A scuoterlo dal torpore esistenziale è il terremoto che nel 2012 colpisce l’Emilia, costringendolo a riprendere quella vita messa in pausa fino ad allora. Da fenomeno naturale, il sisma si fa quindi metafora di uno scossone emotivo, una frattura interiore nella vita del protagonista. Allo stesso modo la necessità di ricostruire ciò che è andato distrutto diventa simbolo di rinascita per Orlando che vi trova una seconda occasione per reinventarsi, prendendosi cura dei nipoti e rimettendo in piedi la band con i vecchi amici. Quest’ultimi interpretati da Neri Marcorè, Francesco Pannofino, Andrea Libero Gherpelli e Paolo Cioni. Ma i conti con un passato difficile non finiscono qui e nel presente di Orlando si riaffaccia anche Chiara (Alessandra Mastronardi), un amore mai dimenticato. Il cast conta inoltre la partecipazione straordinaria di Amanda Lear, Red Canzian e Ugo Pagliai.

Il regista ha definito il suo film «un affresco corale», rivelando che il titolo nasce da un murales avvistato lungo le sponde del Po che gli è sembrato perfetto, in quanto rappresentativo della filosofia legata ai luoghi magici e poetici dell’Emilia.

Distribuito da Fandango Si muore solo da vivi è prodotto da Nicola Fedrigoni e Valentina Zanella per KPlusFilm (K+), con il sostegno di Regione Emilia Romagna - Emilia Romagna Film Commission e con il contributo di POR Regione del Veneto.

Martina Cancellieri   08/06/2020

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM