Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Cinema

Bella e perduta: al cinema una favola sulla terra dei fuochi
“Bella e perduta” è un’opera libera che si libra nell’aria, come quelle musiche che risuonano nel film e quei versi recitati, come la fantasia che alimenta le fiabe per rendere comprensibili ai bambini le ragioni del mondo. Una fantasia a volte utile per capire con semplicità e poesia ciò che agli atti è ricoperto di sovrastrutture.Il film di Pietro Marcello - unico italiano in concorso la scorsa estate al Festival di Locarno e nelle sale italiane dal 19 novembre - racconta una storia vera, quella di Tommaso Cestrone (l’angelo di Carditello, la reggia borbonica decadente e abbandonata nel casertano, ormai…
Dal 10 dicembre al cinema: Benicio Del Toro e Tim Robbins in “Perfect Day”
“Da qualche parte nei Balcani”… il protocollo di Ginevra non serve “a salvarti il culo” quando passi su una mina: nel 1995, a guerra appena conclusa, quattro volontari “AID Across Board” hanno le mani legate senza avere neanche una corda, che cercheranno ovunque attraverso le vette aspre di una zona rossa d’emergenza. Nell’intento, impotente, di tirar fuori una salma dal pozzo, non serve neanche discutere con gli impiegati di guerra, con le regole oscure dei caschi blu, mentre i bambini per strada giocano a palloni rubati e a ricatti fumanti di pistole vere. Presentato anche all’ultimo Festival di Cannes, “Perfect…
“Il ponte delle spie”: l’amore di Spielberg per la storia intreccia paure di ieri, oggi e domani
A volte il cinema e il passato s’incontrano e si plasmano vicendevolmente per giungere a esiti altri che sono, se possibile, ancor più veri e attuali del presente, già con un piede nel futuro. Tre anni dopo Lincoln, Steven Spielberg celebra il suo amore per la storia realizzando un film potente, classicamente americano, che racconta la Guerra Fredda ma in fondo accarezza i drammatici dilemmi di oggi: i diritti individuali devono soccombere in nome della sicurezza, della protezione dalla minaccia del Nemico? Russi di ieri, terroristi di oggi, l’allarme-attentati che si fa patologica fobia, le bombe attese, le torture: tutto…
In arrivo sul grande schermo “Pavarotti - Il concerto di Natale”
La musica, con la voce unica e inconfondibile di Luciano Pavarotti e la suggestiva atmosfera dei canti natalizi, approda sul grande schermo con “Pavarotti - Il concerto di Natale “. Solo il 14 e il 15 dicembre sarà infatti possibile vedere e ascoltare, nei migliori cinema, la versione restaurata del concerto di Natale che Pavarotti tenne a Vienna nel 1999 con José Carreras e Placido Domingo, con la regia di David Mallet. A 80 anni dalla nascita dell’artista italiano più apprezzato in tutto il mondo, “Microcinema Distribuzione” presenta un film-concerto in cui i protagonisti, Luciano Pavarotti e i suoi amici…
“Un posto sicuro”: quando il luogo di lavoro si trasforma in trappola mortale
Sembra un paradosso il titolo del film “Un posto sicuro”, prima opera sulla tragedia dell'amianto, scritto da Marco D'Amore e Francesco Ghiaccio, che ne cura anche la regia. Il posto sicuro era quello che gli operai credevano di aver trovato entrando nella fabbrica dei sogni, l’Eternit di Casale Monferrato, senza sapere che si sarebbero ammalati a causa dell'amianto; ma il posto sicuro è ancora Casale che sogna di liberarsi per sempre dall'amianto dopo aver pagato un prezzo altissimo di vittime. E’ il 2011 nella cittadina piemontese: Eduardo e Luca sono padre e figlio, ma si sono persi da tempo; una…
TFF33: “Paulina (La Patota)”, di Santiago Mitre
Regia: Santiago MitreInterpreti: Dolores Fonzi, Oscar Martinez, Esteban Lamothe, Cristian Salguero, Verónica LlinásPremio Speciale della GiuriaPremio per la Miglior attrice a Dolores FonziPremio Achille ValdataMenzione Speciale “Premio Gli Occhiali di Gandhi” Si parla di politica nell'opera di Santiago Mitre, di quella preoccupata del benessere collettivo prima che degli interessi personali di pochi. La politica che si rifà anzitutto alla dichiarazione universale dei diritti umani, alle dipendenze del popolo, unico sovrano da tutelare e ascoltare. Lo si capisce subito a inizio storia, dalle parole e dagli sguardi che animano l'acceso diverbio tra Paulina, brillante avvocato, e suo padre Fernando, importante giudice…
Sangue del mio sangue: la fedeltà infedele alla storia di Marco Bellocchio
Tanti frammenti di visioni, sospesi nell’aria, tra l’acqua e il tempo: Sangue del mio sangue è un quadro molto personale, quasi familiare, ma paradossalmente più totalizzante di quel che si potrebbe pensare. Gestito dall’esigenza di raccontare le urgenze che il suo autore, Marco Bellocchio, sente di dover far vedere al pubblico, qui e ora. Incuneato nei meandri delle sue fantasie e ossessioni, sospinto a mano libera dalla fedeltà infedele alla Storia, libero dalla necessità di “far quadrare tutto per filo e per segno” in un perfetto scacchiere narrativo convenzionale ma imbrigliante. Il regista ha presentato il suo ultimo film al…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM