Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Cinema

The Pills – Sempre meglio che lavorare: un primo lavoro che convince
Da anni fenomeno di successo sul web, i The Pills esordiscono ora al cinema con “Sempre meglio che lavorare”, e lo fanno in modo convinto e convincente. Anche sul grande schermo i tre riescono a persuadersi (persuaderci) del loro mondo, bevendo litri di caffè intorno al solito tavolo sviscerando nevrosi e dubbi esistenziali dei trentenni d'oggi. Una generazione affranta e un po' fannullona ma per Luigi, Matteo e Luca l'immobilismo scaturisce dall'ostentata e spassionata oziosità in quanto dogma, un patto stretto da ragazzini da onorare costi quel che costi. Ne consegue una rappresentazione somigliante e calibrata, capace infatti di prendere…
“Il colore dell’erba”: il primo film da guardare chiudendo gli occhi
Da febbraio sarà nelle principali città italiane fra cui Milano, Bologna, Roma e Trento il documentario “Il colore dell’erba” di Juliane Biasi Hendel, delicato road movie su due giovanissime amiche non vedenti prodotto da Indyca assieme a Kuraj, con il sostegno del Mibact, di Trentino Film Commission, Piemonte Doc Film Fund e Rai 3 (Doc 3) e con il patrocinio dell’UICI – Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Il film, presentato in anteprima italiana lunedì 18 gennaio al Cinema Massimo di Torino, offre una esperienza sensoriale unica grazie alla costruzione di un vero e proprio “paesaggio sonoro” che rende il film…
"This is the genius": i 70 anni di David Lynch
"L'idea è tutto. Non tradirla e ti dirà tutto ciò che c'è da sapere" (David Lynch) Probabilmente festeggerà sul set della terza stagione di "Twin Peaks" e brinderà con una fumante tazza di caffè nero e una squisita torta del Double R. Artista rivoluzionario, collezionista di opere deformanti, visioni e racconti surreali, David Lynch compie oggi 70 anni.Dieci lungometraggi, 49 anni di carriera mai bagnati da un Oscar o da un Golden Globe. Una carriera avvolta nel mistero quella di Lynch, nato a Missoula, Montana, nel 1946. La primordiale passione per la pittura espressionista, che si ritrova nella sua cura…
Vincenzo Salemme al cinema con "Se mi lasci non vale": storia piacevole ma con troppe gag
Vincenzo Salemme torna al cinema da regista con “Se mi lasci non vale”, scritto da Martino Coli, Paolo Genovese e lo stesso Salemme che è anche principale interprete, insieme con Paolo Calabresi, Carlo Buccirosso, Serena Autieri e Tosca D’Aquino. Il film, distribuito dalla Warner Bros Pictures e prodotto da Fulvio e Federica Lucisano sarà nelle sale dal prossimo 21 gennaio.Vincenzo (Salemme) e Paolo (Calabresi) sono appena stati lasciati dalle fidanzate Sara (Serena Autieri) e Federica (Tosca D’Aquino). Incontratisi in un bar, scaricano l’uno addosso all’altro le proprie pene sentimentali, cercando di farsi forza per superare il triste momento, fino al…
“La corrispondenza”: l'amore e il suo doppio virtuale secondo Giuseppe Tornatore
Di indubbio fascino la metafora a cui si rifà Tornatore per descrivere il vuoto, l'incorporea distanza che sempre più caratterizza i rapporti sentimentali al giorno d'oggi. Come il bagliore di una stella ancora visibile dopo il suo declino, la fine annuncia un nuovo inizio: e chi meglio del regista di “Nuovo Cinema Paradiso” accompagnato da Morricone per raccontare l'amore? Tornatore fa suo il più classico dei temi procedendo invero all'opposto: dalla rappresentazione materiale di emozioni vissute dal vero e davvero, a quella riprodotta e uniformata dal sistema tecnologico, altrettanto reale in un'epoca permeata da modi di fruizione. Non a caso,…
"Creed" sa combattere
Pugni, sangue, sudore. Non solo nella boxe, ma anche nella vita. Questo è "Creed", nelle sale italiane dal 14 gennaio: uno spaccato di realtà sportiva, ma al tempo stesso una narrazione riguardosa di esistenze solitarie. Il regista e sceneggiatore Ryan Coogler, in questa sua seconda opera, mette in scena un plot che omaggia elegantemente il primo "Rocky", senza rimanere ingabbiato dal mito.Protagonista delle vicenda è Adonis Johnson (Michael B. Jordan), figlio illegittimo di Apollo Creed, accolto, dopo la morte della madre naturale, da Mary Anne Creed (Phylicia Rashad). Nonostante i divieti della madre adottiva, straziata dalla perdita del marito durante…
"Joy": tanto rumore per nulla
Quando l’artificialità supera qualunque altra sensazione epidermica e diventa cifra espressiva dominante, allora un film molto probabilmente non è riuscito. E di artificialità ce n’è da vendere in Joy, il nuovo lavoro di David O. Russel (Amori e disastri, Il lato positivo, American Hustle, The Fighter tra gli altri), in uscita il 28 gennaio in Italia.Beninteso, le altre sensazioni, seconde per poco, sono il patetismo melenso (veicolato da una fastidiosa voce fuori campo), la retorica dilagante e, solo molto distaccata, una certa dose di ironia, a volte posticcia e purtroppo insufficiente a far digerire il resto dell’operazione. Non c’è insomma…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM