Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 672

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 694

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 682

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 697

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 683

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 673

Cinema

Al Rendez-Vous si torna a parlare di scuola con “Les Grands Esprits” di Olivier Ayache-Vidal
Da “La classe” a “Les Choristes”; da “L’attimo fuggente” a “Mona Lisa Smile”; da “Io speriamo che me la cavo” a “Il rosso e il blu” passando per “I liceali” ed “I ragazzi del muretto”; gli autori non sembrano averne mai abbastanza di scrivere film e serie televisive sulla scuola. Ad occuparsi del mondo dei ragazzi, parallelo e distante dal pianeta adulti, è anche Olivier Ayache Vidal in “Les Grands Esprits”, pellicola presentata nel corso della terza giornata del Rendez-Vous 2018 (la rassegna dedicata al nuovo cinema francese in corso a Roma fino al 10 aprile). Il regista di “Made…
Le lucciole di Takahata: un ricordo al grande regista d'animazione giapponese
«Perché quella sera c’erano le lucciole? E perché erano così tante? Pareva quasi tutte le lucciole del Giappone si fossero riunite lì, nello stesso momento. Insomma, Seita ne aveva già viste parecchie, come quella sera a casa della zia, o la prima notte alla caverna, ma mai, mai così tante tutte insieme; ed era una cosa strana, perché le lucciole vivono solo qualche giorno, troppo poco perché se ne possa apprezzare a fondo la bellezza». Così veniva espressa la condizione del Giappone del periodo bellico, rappresentato nel famoso film d'animazione dello Studio Ghibli Una tomba per le lucciole, seguendo l'omonimo…
In anteprima al Rendez vous festival: “Doppio amore”, il thriller che ha scandalizzato la Croisette
Chiude la seconda giornata di Rendez Vous, Festival del Cinema Francese la proiezione in anteprima nazionale di "Doppio amore" - titolo originale, "L’amant double" - scritto e diretto da François Ozon. La rassegna cinematografica dedicata al cinema d’oltralpe - trenta titoli, quattro focus e una sezione dedicata al documentario - è giunta ormai alla VIII edizione. Dopo la Capitale, il festival è a Roma fino al 10 aprile - raggiungerà le città di Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Palermo e Torino. Un’occasione da non perdere per gli amanti del cinema che avranno l’opportunità di vedere il meglio del cinema francese contemporaneo…
"L'affido" al Rendez-Vous Festival: quando l'amore cessa di essere amore
Brividi ghiacciati e occhi ricolmi di riflessioni prepotenti durante la prima serata dell'ottava edizione del Rendez-vous, il festival del nuovo cinema francese, il 4 Aprile al cinema Sacher (Roma). Come fosse in possesso di un contagocce di una precisione disarmante, Xavier Legrand riesce, ne L'affido, a portare a termine un'impresa notevole: trattare con delicatezza e rispetto uno spaccato di società che vive il dramma della separazione e dell'abuso domestico. Non vi è una violenza fittizia, esasperata o, ancor peggio, estremizza Ritroviamo una perfetta scala cromatica che parte dal bianco delle pareti dello studio legale dove, in breve lasso di tempo,…
“Quanto basta”: la diversità si supera in cucina
L’equilibrio, la semplicità e la sensibilità sono gli ingredienti vincenti del nuovo film di Francesco Falaschi, “Quanto basta”, con Vinicio Marchioni e Valeria Solarino, al cinema dal 5 aprile.Una commedia drammatica che affronta tematiche importanti, tra cui quella della disabilità e della diversità, che talvolta possono diventare una risorsa e uno strumento di salvezza.Il protagonista è Arturo, uno chef talentuoso con un carattere aggressivo, “troppo bravo per i ristoranti scarsi e troppo sputtanato per quelli fighi”. Finito in carcere a causa di una rissa, si ritrova a scontare la pena ai servizi sociali, tenendo un corso di cucina in un…
“Van Gogh. Tra il grano e il cielo”: il pittore olandese visto con gli occhi della sua più grande collezionista
Geniale, incompreso, radicale, innovativo, unico. Van Gogh è sicuramente uno degli artisti più controversi e interessanti che abbia mai attraversato questo mondo e tanto è stato detto su di lui e sulla sua arte. Il documentario diretto da Giovanni Piscaglia e scritto da Matteo Moneta, “Van Gogh. Tra il grano e il cielo”, offre uno sguardo nuovo e parte dal lascito della più grande collezionista delle sue opere, Helene Kröller-Müller, per raccontare l’unione spirituale di due anime affini, dominate entrambe dal tormento e dall’inquietudine. I due non si incontrarono mai in vita ma condivisero la stessa tensione verso l’infinito e…
"A Quiet Place": un esordio sottovoce del genere Horror per il giovane Krasinski
Non emettere un suono. Non possono vederti, è vero ma se ti sentono… non avrai via di scampo. Siamo nel 2020, in America e una famiglia si aggira furtiva tra quelli che sono i resti di una città disabitata. Ogni loro gesto è scandito dai secondi di un tempo infinitesimale: quello della paura. Si avanza lentamente e solo dove il cammino è considerato sicuro. Movimenti cauti e premeditati che non lasciano spazio all’impulso o al desiderio di evadere dallo schema. Stretti mano nella mano hanno creato il loro mondo e non si perdono mai di vista tra loro soprattutto la…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM