Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

"Amore che fuggi da me tornerai": intervista al poeta

Incontro Gianluca Ciarda, autore della raccolta di poesie d'amore "Amore che fuggi da me tornerai", a tarda sera proprio nel giorno del suo compleanno. Lo scrivo perchè certo che l'intervista abbia risentito positivamente di questa circostanza e perchè intervistare un poeta nella notte nella quale compie gli anni è anche un pò come interpellare un oracolo mentre viene eretto.

 

Domanda: "Cosa ti ha spinto a questa raccolta?"

Risposta: "La possibilità di pubblicare. Per la prima volta nella mia vita ho avuto questo desiderio in modo così profondo. Dall'età di otto anni scrivo poesie e racconti. Ho pensato che fosse arrivato il momento di farlo e alla prima vera occasione seria capitatami sono riuscito subito nell'intento. Ovviamente devo ringraziare la casa editrice che ha subito reso possibile il raggiungimento di questo risultato."

 

D.: "Come mai hai pubblicato la tua prima raccolta di poesie dopo i 30 anni?"

R.: "Per due motivi,prima non credevo nei concorsi di poesia e quindi solo una volta vi partecipai e poi perchè adesso rispetto a dieci anni fà, ho più voglia di uscire allo scoperto e sento più maturo il periodo della mia vita. Scrivo poesie con continuità dall'età di 17 anni, anche se la mia prima poesia è del 1986. Dai 17 anni in poi ho sempre descritto la mia vita in versi, senza mai cercare la pubblicazione, oggi i tempi sono cambiati e tutto il materiale a mia disposizione mi permette di creare raccolte diverse tra loro"

 

D.: "Credi che la tua raccolta riceverà attenzioni dalla critica o/e riscontrerà il gusto del pubblico?"

R.: "credo che ci sarà un buon riscontro con il pubblico, per la critica spero di si, è il mio esordio quindi ci vado cauto con i pronostici. Per adesso ho notato un buon riscontro con i lettori, la poesia che parla d'amore crea comunnque un fascino particolare. Spero presto di partecipare a concorsi di poesia edita per capire il riscontro della critica."

 

D.: "Perchè una raccolta di poesie nel 2011?cosa deve aspettarsi il lettore dalla tua raccolta?"

R.: " Il lettore della mia  raccolta deve aspettarsi un vortice di suoni d'amore. Dall'amore che fugge all'amore che torna passando per i piaceri momentanei, occasionali, effimeri, qui sono descritti momenti d'amore, una continua ricerca, sperando sempre nel ritorno. Non devono tornare le persone ma il sentimento. In questa raccolta ci sono poesie di quando avevo 18 anni fino ad oggi, potrei dire che ci sono i miei vent'anni vissuti tra l'amore e la ricerca dell'amore perduto."

 

D.: "Ci sono altri proggetti in cantiere?a quando la prossima opera?"

R.: "Si ci sono altri progetti in cantiere. Pubblicare un'altra raccolta di poesie, ma non d'amore, dato che tra le mie tante poesie vi sono poesie più visionarie e naturaliste. In fututro spero di poter pubblicare un mio romanzo, in cantiere ne ho tre ormai quasi pronti, spero di ultimarli al più presto e tentare, conosco bene il mercato del libro e capisco le difficoltà di poter avere riscontri con le poesie, un romanzo crea una situazione anche promozionale differente...comunque si...credo sarà il prossimo obiettivo."

 

A questo punto la mezzanotte è appena scoccata. Gli porgo i miei più cari auguri e brindiamo...

 

(Gianluca Bianchi)








Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM