Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

"Amentìa": sequenze che affollato la mente del giovane regista, Giovanni Piras

"Amentìa" è un ‘mediometraggio’ diretto e auto-prodotto dal giovane regista sardo Giovanni Piras, e proiettato in questi giorni al Cine Teatro Nanny Loi di Cagliari e al Salone Velio Spano di Carbonia (CI). Diplomatosi a pieni voti nel Marzo 2008 in Regia e produzione video presso l’Accademia Nazionale delle Arti Cinematografiche, a Bologna, il giovane regista, conosciuto nel settore con lo pseudonimo di Joe Bastardi, muove i primi ambiziosi passi con "Non è un paese per giovani" opera a metà tra documentario e cortometraggio, che entrava nel vivo della protesta studentesca cagliaritana dell’autunno 2008. Ora Joe realizza "Amentìa": immagini che gli affollano la mente già ai tempi degli studi a Bologna, vengono dipanate, decifrate e rese film. Dietro questa produzione c’è tanto lavoro volontario, intelligenza nel designare ogni ‘figura’ necessaria; una piccola produzione e una grande professionalità. Amentìa, letteralmente follia, sa sorprendere lo spettatore. Trenta minuti intrisi di tensione, scanditi da un sonoro che si insinua nella mente, come un chiodo fisso. La voce fuori campo evoca e coinvolge, l’uso della maschera, abilmente, fa riflettere. Il rosso sinonimo di passione e violenza, resta negli occhi: è rossa la bocca della giovane protagonista, le unghie laccate e il sangue che impregna e macchia. Risulta gradevole l’alternanza con il bianco e nero e la sobria cornice cagliaritana. Gli interpreti, quasi tutti non professionisti, sono convincenti e ben diretti. Trenta minuti sono pochi, ma ampiamente sufficienti per apprezzare il lavoro di regia. Citando Andrea Contu, uno degli interpreti:" Amentìa  regala alti  momenti  di regia pura nel gioco di tensione tra campo e fuori campo e un continuo  richiamo,  nella costruzione narrativa e formale ,  alle miglior produzioni seriali di ambito americano, con risultati a volte sorprendenti".

 

Prodotto da: Giovanna Perseu, Selene Mulas, Giovanni Piras.

Con: Alberto Diana, Daniela Congiu, Manuela Perria, Andrea Contu, Michela.L.Cogotti, Enrico Pinna.

Scenografia ed effetti visivi: Selene Mulas; Musiche di Claudio Meloni; Trucco: Giovanna Perseu; Maschere: Sebastiano Murru.

 

 

(Cinzia Crobu)

 

 

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM