Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

"8 amici da salvare", una storira di amicizia e coraggio

Ispirato ad una storia vera, “ 8 amici da salvare” è il nuovo film prodotto dalla Walt Disney, che ha per protagonisti 8 meravigliosi esemplari husky, che dimostrano tutta la loro fedeltà all’uomo ma anche la forza e l’istinto di sopravvivenza che permetterà loro di superare una difficilissima prova. Due uomini e due donne vivono sei mesi l’anno presso la base americana; uno di questi è Jerry Shepard (Paul Walzer, protagonista di “Fast and Furious”, esperta guida in Antartide che insieme ai suo fedeli amci husky, conoscono benissimo la zona. Qualche volta li raggiunge Katie (Moon Bloodgood), esperta pilota di elicotteri; nel corso di una delle sue visite porta con sé il Dott. Andy Harrison, che spera di trovare in quelle zone un frammento di un meteorite proveniente da Mercurio. Le situazione atmosferiche non sono delle migliori ma Jerry decide di accompagnare il Dott. Harrison; la ,missione riesce ma durante il ritorno, a causa di una tempesta di neve, il dottore si rompe una gamba; solo grazie alle capacità di Jerry e alla forza degli otto husky riescono a tornare alla base. Qui devono immediatamente evacuare la zona; sull’elicottero non c’è posto per gli otto cani che a malincuore il gruppo deve lasciare soli al rifugio. Inizia così la lunga avventura degli otto husky, che dovranno combattere giorno dopo giorno per riuscire a sopravvivere; ma anche Jerry comincia una lotta con la sua coscienza, incapace di perdonare se stesso per aver abbandonato i suoi fedeli amici soli nel lungo inverno dell’Antartide. Tra gli otto cani solo i più forti, i più giovani e i più capaci riusciranno a sopravvivere, anche se cercheranno di aiutarsi l’uno con l’altro dimostrando grandi capacità di collaborazione e di solidarietà. Nel frattempo Jerry cerca di trovare i fondi per poter organizzare una nuova spedizione e ritornare in Antartide per recuperare i suoi amici a quattro zampe che in molte occasioni gli hanno salato la vita. Solo dopo 175 giorni Jerry riesce, grazie al Dott. Harrison, a Katie e a Cooper, a ritornare, attraverso un rocambolesco viaggio, alla base americana. Ma qui riuscirà a trovare i suoi cani ancora vivi? Una tenera storia di amicizia e di coraggio, che coinvolgerà i bambini, ma saprà conquistare anche gli adulti; il regista, Frank Marshall, che ha diretto in passato pellicole come “Alive-Sopravvissuti” e “Congo”, qui ha lavorato non solo su una situazione di estrema difficoltà e pericolo ma dovendo coniugare i sentimenti umani con quelli di otto husky, cercando di esprimere al meglio la loro gestualità e le loro emozioni. Al suo fianco, in questo progetto, lo sceneggiatore David DiGilio, che si è ispirato a un film giapponese “Antartica”. Per quanto riguarda la scelta dei cani, alcuni erano già esperti di set cinematografici (per esempio Koda Bear che interpreta Maya), altri invece cuccioli al loro debutto come il piccolo Dino di due anni che interpretava Buck. Per quanto riguarda la location, non potendo girare realmente in Antartide, viste le ostile condizioni atmosferiche, si è deciso di realizzare la maggior parte delle scene esterne a Smithers, località a 1200 km a nord di Vancouver, nella Columbia Britannica. La pellicola sarà presente dal 31 marzo in tutte le sale italiane.
Tamara Malleo

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM