Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

“VIE scena contemporanea Festival”: un viaggio alla scoperta di un teatro innovativo

Uno sguardo al futuro, all’innovazione e alle proposte alternative: questo è “VIE Scena Contemporanea Festival” che, giunto alla sua ottava edizione si appresta ancora una volta, dal 24 maggio al 2 giungo, a osservare con attenzione la scena contemporanea proponendosi come una vetrina sia per artisti emergenti, sia per le nuove creazioni di artisti affermati che rappresentano le eccellenze del panorama teatrale contemporaneo mondiale. Al teatro inoltre si affiancheranno altre arti performative come la danza e la musica, cercando sempre di cogliere e divulgare le espressioni più coeve.

Questo importante appuntamento per il mondo del teatro – organizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena – richiama artisti provenienti da ogni parte del mondo a Modena, Carpi, Vignola, Castelfranco Emilia e Rubiera. Centro propulsore della rassegna è il Teatro delle Passioni di Modena, luogo ideale per raffigurare lo spirito dell’iniziativa: grazie alla sua atmosfera aperta si crea un proficuo scambio culturale e di idee tra artisti, giornalisti e spettatori. Inoltre VIE contemporanee è un’ottima occasione per chi è appassionato di arte o lavora nel settore, per intercettare le novità e le tematiche più urgenti che attraversano la nostra società e che vengono captate dall'arte.

Tra gli ospiti italiani più importanti ci sono Antonio Latella che presenterà “Francamente me ne infischio”, cinque movimenti liberamente ispirati a “Via col vento” di Margaret Mitchell; il Teatro Valdoca che presenta il primo dei tre episodi della “Trilogia della gioia”, un progetto frutto di una lunga preparazione; Francesca Proia una tra le più singolari artiste della danza italiana. Mentre tra gli ospiti stranieri ci saranno Pascal Rambert che, forte del grande successo riscosso al Festival d’Avignon nel luglio scorso presenta a VIE “Clôture de l’amour”, lavoro composto da due monologhi; Eimuntas Nekrošius, regista lituano di fama internazionale, pluripremiato in tutto il mondo e vincitore in Italia di quattro premi Ubu che presenta “Divina Commedia”, la sua nuova creazione allestita a Modena a soli due giorni dal debutto mondiale. Questi e molti altri artisti ancora garantiscono dieci giorni ricchi di emozioni.

 

(Amelia Di Pietro) 

 

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM