Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

Sentieri dell'arte

La verità di Anna Magnani: al Vittoriano la mostra che omaggia la grande attrice italiana
“Io non mi considero un’attrice. Se piglio fuoco brucio bene, se no non c’è niente da fare”, così Anna Magnani si descrisse quando ricordò l’incontro con il poeta Giuseppe Ungaretti che la omaggiò come “l’attrice più grande di tutti i tempi”.La mostra “Anna Magnani, la vita e il cinema”, curata dal critico cinematografico Mario Sesti, intende rendere un tributo alla carriera della Magnani  (1908-1973) e al suo essere ‘vera’, di quella verità così rara (al giorno d’oggi più che mai), da conservare come un bene prezioso. Fino al 22 ottobre nella Sala Zanardelli all’interno del Complesso del Vittoriano sarà possibile…
L’Arte si conosce con le mani: piccole rivoluzioni a Palazzo Braschi
Dei cinque sensi di cui disponiamo, ciascuno parla il proprio linguaggio. Tradurre un sapore in un’immagine, un colore in un calore e così via, è proprio della sinestesia, un fenomeno di contaminazione delle percezioni sensoriali. Il Museo di Roma con “Contatto. Sentire la pittura con le mani” offre l’opportunità di “vedere” grandi capolavori della pittura del ‘500 con le mani. Si tratta del “Compianto sul Cristo morto” del Correggio (Parma, Galleria Nazionale), il “Profeta Isaia” di Raffaello (affresco nella chiesa di S. Agostino a Roma), la “Maddalena penitente” di Caravaggio (Roma, Galleria Doria Pamphilj) e la “Madonna dei pellegrini” di…
“Superfici”: il viaggio ‘visivo’ di Stefano Zoia in mostra al Museo Civico di Zoologia
All’ombra dello scheletro di un enorme cetaceo, 46 scatti sono esposti in successione più o meno casuale. Questo lo spazio scelto da Stefano Zoia, entomologo con la passione per la fotografia, per ospitare la sua nuova mostra. “Superfici”, dal 7 luglio al 24 settembre presso la Sala della Balena del Museo Civico di Zoologia, rivela fin da subito la propria particolarità nel panorama espositivo dei musei romani, grazie ad una spiccata vocazione “interattiva” nei confronti del suo pubblico. Chi si accosta a questa piccola mostra, infatti, non deve illudersi di fare la parte del mero spettatore: nelle intenzioni del fotografo-entomologo,…
Pagina 1 di 17

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Tecnologia