Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

"The Nobel lectures" di Bob Dylan: uscito per Feltrinelli il 30 novembre

Come per Omero e Saffo, in Dylan la musica si fa poesia. O viceversa. E questa in sintesi la motivazione con cui l'Accademia di Svezia annuncia il 13 ottobre 2016 il conferimento del Premio Nobel per la letteratura al cantautore più amato del mondo. Il resto è storia nota: Dylan non va a ritirare il premio a causa di impegni presi in precedenza, la sua lettera di ringraziamento viene letta dall'ambasciatrice degli Stati Uniti in Svezia, Patti Smith esegue A Hard Rain's A-Gonna Fall e si commuove. Intanto l'eterno dibattito si riaccende: una canzone può essere letteratura? In queste pagine, che contengono la lettera di ringraziamento e il discorso tenuto all'Accademia di Svezia durante una cerimonia privata, non si trovano le risposte di Dylan a questa domanda, ma c'è il suo rapporto con quello che ha letto e quello che ha ascoltato, con le storie che ha amato, con i linguaggi che lo hanno nutrito. Perché se è vero che "mai una volta ho avuto il tempo di chiedermi se le mie canzoni sono letteratura", è anche vero che le pagine dei libri ti danno "un modo di guardare la vita, una comprensione della natura umana e un metro con il quale misurare le cose". E così che, nel suo modo di guardare la vita, ci sono Omero e Buddy Holly, Moby Dick e Niente di nuovo sul fronte occidentale. E soprattutto ci sono incontri e ricordi, perché "le canzoni sono vive nella terra dei vivi" e Dylan, come Omero, invoca la Musa chiedendole semplicemente di cantare, attraverso la sua bocca, una storia. Nel suo discorso per il Nobel Dylan non parla solo del rapporto tra letteratura e musica, ma del rapporto tra letteratura e vita.

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#interviste #teatro “Sotto il sole l’oscurità”: incontro con l’attore Dimitri D’Urbano in occasione dello spettacol… https://t.co/48AfFwBwg0