Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

Libri

“La zona cieca”: il racconto di una generazione sospesa
Lidia è la giovane conduttrice radiofonica di ‘Sentimentalisti anonimi’, un programma dal titolo esplicativo che va in onda in coda a un palinsesto esclusivamente dedicato all’attualità e l’approfondimento politico. Nonostante i soli ventotto anni di vita vissuta, Lidia ha un passato denso, popolato dagli spettri di un disordine alimentare, da rapporti disfunzionali con gli uomini e numerosi ricoveri in una clinica psichiatrica. Quella di Lidia è una vita tanto solida e soddisfacente professionalmente, quanto tormentata e irrequieta emotivamente. La situazione è destinata a precipitare dopo il fatidico incontro con Lorenzo, uno scrittore narcisista di discreto successo, con matrimonio fallito alle…
“Quando eravamo eroi”: Silvio Muccino presenta il suo nuovo libro
“Per me approdare alla letteratura significa approdare alla libertà. Tra tutte le cose che ho fatto non esiste una cosa più libera, incosciente e spontanea come questo libro”. Dopo “Parlami d’amore” e “Rivoluzione n°9” scritti a quattro mani insieme a Carla Vangelista, Silvio Muccino esordisce con “Quando eravamo eroi” - edito da La nave di Teseo - il suo primo personale romanzo. Ed è proprio con la scrittrice e sceneggiatrice romana, e con Paolo Di Paolo nelle vesti di moderatore, che l’attore ha presentato il suo libro il 5 aprile presso la Feltrinelli di via Appia. Tre ragazzini vestiti da…
Stephen Hawking: il punto di vista della moglie Jane in "VERSO L'INFINITO"
«I regard the brain as a computer which will stop working when its component fail. There is no heaven or afterlife for broken-down computers. That is a fairy story for people afraid of the dark». Si esprime così Stephen Hawking in un’intervista rilasciata nel 2011. Ed è così che si doveva sentire: come una macchina, con una voce artificiale e robotica e una capacità di movimento quasi nulla se non fosse stato per la carrozzina a rotelle. Certo è che questo sentimento non ha fermato il grande scienziato britannico, conscio di ogni limite e vissuto per superarlo. Noto alla comunità…
Pagina 1 di 13

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter