Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 615

Diari di viaggio

Reportage dalla Georgia: chi fa il vino non fa la guerra
TBILISI – Cosa hanno in comune un calciatore che ha vinto la Coppa Campioni, una madre che ha ucciso i suoi due figli piccoli e un dittatore sanguinario? Detta così sembra una barzelletta, e neanche delle più divertenti. I tre personaggi, tra pop, Mito e Storia, corrispondono ai nomi di Kaladze, difensore di un fortunato Milan berlusconiano, Medea e Stalin. Qual è il fil rouge che li segna e che li accomuna? Tutti e tre sono georgiani, questa terra che non avendo gas e petrolio, come le regioni circostanti, imbottiglia le acque che scendono dal Caucaso, esporta vini e ha…
Racconti di viaggio: le molte facce del teatro a Berlino
"C’è un motivo per cui si preferisce Berlino ad altre città: perché è in costante evoluzione. Ciò che oggi non funziona, può essere migliorato domani. Io e i miei amici auguriamo a questa grande e vivace città che la sua intelligenza, il suo coraggio e la sua cattiva memoria, in pratica che le sue caratteristiche più rivoluzionarie rimangano in vita" (Bertolt Brecht). Berlino accoglie, seducente ma fredda, spalanca le braccia della propria storia senza fermarsi, in un brulicare continuo di gente, popoli, culture, volti, disperazioni, gru, palazzi, progetti, visioni, con un’energia che sembra quasi amplificarsi ogni anno di più, da…
Diari calitrani. Sponz Fest 2016 vol. 2: musica, musicanti e Gianni Morandi
“Sulle strade, mulinate dalle ruote dei carri e trebbiate dai ferri dei cavalli, la crosta della massicciata andò in frantumi e creò la polvere. Le minime cose animate sollevavano questa polvere per aria: gli uomini camminando sollevavano nuvolette che s’alzavano fino alla loro cintola; i carri, nuvole più dense che raggiungevano le cime delle siepi; le automobili, nuvoloni che oscuravano il sole. E a tutta questa polvere occorreva molto tempo per cadere e riposare” (John Steinbeck, Furore) Da Sicuranza, in barberìa, si canta e ci si innamora. Si ricordano le storie di paese, di musica e musicanti. Malelingue, amori disgraziati…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Il Direttore di Recensito Davide Bellalba con il premio Oscar 2017 Alessandro Bertolazzi all'Accademia "Silvio d'A… https://t.co/XV3TYVxN08

Tecnologia