Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

The Vegetarian Chance 2018: torna il Festival che promuove la cucina veg

Che ci sia dietro una scelta etica o salutista è innegabile ormai che la cucina vegana sia una realtà sempre più diffusa in Italia che non può essere ignorata. Lo sanno bene Pietro Leemann, chef svizzero, uno dei primi sostenitori del pensiero veg e della cucina naturale nonché patron del Joia di Milano, tra le più apprezzate insegne vegetariane d’autore in Europa e nel mondo, e il giornalista Gabriele Eschenazi che insieme dal 2014 organizzano il festival “The Vegetarian Chance”.Thevegetarianchance02
Una gara che ogni anno riunisce nelle cucine del Joia chef e professionisti del settore gastronomico per dare risalto, approfondire e promuovere la cultura e la cucina vegetariana, aderendo a pieno alle promesse che hanno portato alla nascita dell’omonima associazione. L’edizione 2018 si svolgerà a Milano il prossimo 13 maggio e le iscrizioni per partecipare sono aperte fino al 28 febbraio (https://thevegetarianchance.org/il-concorso/). Possono candidarsi tutti coloro che hanno compiuto 21 anni e con un’esperienza minima in cucina di ristoranti o alberghi di quattro anni. Due sono le ricette, rigorosamente vegane (niente colla di pesce o brodo di carne) che ciascuno chef dovrà presentare alla giuria, composta da Leemann, dal dietista Ferdinando Giannone e dalla food coach Jenny Sugar: una della tradizione del Paese di provenienza (eventualmente rivisitata), l’altra creativa, a scelta tra antipasto e piatto principale, cercando di privilegiare in entrambe ingredienti prodotti caratteristici del territorio di provenienza, e necessariamente di origine biologica, biodinamica o spontanea.

Thevegetarianchance03 Ricevute per email le foto dei piatti con le relative ricette, entro i termini di scadenza del bando, i giudici selezioneranno per la gara di maggio gli 8 finalisti, tra coloro che avranno saputo conciliare equilibrio nutrizionale, sostenibilità, etica, estetica e stagionalità. Al vincitore di questa quinta edizione, decretato invece da una giuria composta da chef stellati, un medico, un ambientalista, giornalisti enogastronomici e personalità del mondo vegetariano, andrà un premio in denaro.
Anche nel 2018 The Vegetarian Chance sarà un’occasione per sensibilizzare il pubblico e la stessa ristorazione alla causa dell’alimentazione crueltyfree esclusivamente attraverso la bellezza e il gusto del cibo, perchè come disse Gualtiero Marchesi nel corso della prima edizione del concorso: " Va bene fare il vegetariano o il vegano, ma poi c'è la golosità. Il dovere del cuoco è cucinare in maniera corretta. Sono il buon senso, la preparazione e l'etica che permettono al cuoco di fare salute. Chi cucina bene non fa mai male".

 

Eleonora D'Ippolito

28/12/2017

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#televisione Su @RaiUno #RoccoChinnici è così lieve il tuo bacio sulla fronte Maresa Palmacci @maresa29_maresa https://t.co/7OnGq7kp9f

Tecnologia